PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Al Milestone il Gianni Satta Quartet con “Jazebao”

Al Milestone di Piacenza il Gianni Satta Quartet con “Jazebao”.

Sabato 3 novembre alle ore 22, il locale di via Emilia Parmense ospita il Gianni Satta Quartet, formato da Gianni Satta alla tromba e flicorno, Giovanni Guerretti al pianoforte, Alessandro Cassani al contrabbasso e Alberto Venturini alla batteria, con il loro progetto “Jazebao”.

Dopo il concerto è prevista la prima jam session della stagione. Il live club piacentino aprirà alle ore 21 e si potrà accedere con la tessera del Piacenza Jazz Club o Anspi che può anche essere rilasciata all’ingresso del locale; il costo è di € 20/anno (€ 6 per gli under 30).

Prima del concerto, alle 21,30, spazio ad una importante iniziativa benefica, volta a dotare il nostro Ospedale Civile di un pianoforte; si chiama OspedArte, un progetto coordinato da A.V.O. Sezione di Piacenza, al quale il Milestone dedica una lotteria, il cui ricavato, insieme a libere offerte, contribuirà ad acquistare lo strumento.

Sulla base dell’esperienza maturata con l’iniziativa “Donatori di Musica”, durante le scorse edizioni del Piacenza Jazz Fest e di diverse occasioni benefiche da parte di altre associazioni piacentine, si prevede una serie di iniziative musicali proposte e realizzate da associazioni e istituzioni che sul territorio hanno a cuore la diffusione e l’istruzione musicale quale elemento essenziale per la crescita culturale, sociale e intellettuale di tutta la comunità.

“Jazebao” si ispira ad una bella composizione firmata dal leader del quartetto, il trombettista Gianni Satta, che con questo progetto intende esplorare l’intrigante terreno delle contaminazioni musicali e culturali, restando in equilibrio fra sonorità acustiche ed elettriche, con grande attenzione per la ricerca timbrica e le dinamiche, improvvisando su standard della squisita tradizione jazzistica, come su altre composizioni originali.

Il risultato è una musica colorata, moderna, dalle svariate sfaccettature e talvolta imprevedibile agli stessi esecutori (il bello del Jazz!). Oltre a brani di grandi autori come Freddie Hubbard, Abdullah Ibrahim e Tom Harrell si ascolteranno diverse composizioni a firma di Gianni Satta che, dopo anni di esperienza si cimenta felicemente anche nella difficile arte compositiva.

L’intesa con la sezione ritmica è decisamente collaudata, dato che sia Alessandro Cassani e Alberto Venturini collaborano con Satta anche nella band che ha accompagnato il cantautore Davide Zilli alla vittoria di “Musicultura 2018”. Ai tre si aggiunge il pianista Giovanni Guerretti, musicista duttile e con grandi qualità stilistiche è da quest’anno docente di pianoforte e tastiere alla scuola del Milestone.

Gianni Satta dopo un percorso di studio guidato da insegnanti come Emilio Soana, Marco Tamburini, Giampaolo Casati e dopo frequentato seminari di perfezionamento con Paul Jeffrey e con Clarke Terry, ha iniziato la sua personale esperienza solistica in svariate situazioni e formazioni, passando dal Funk al Soul, dal Blues al Jazz.

Tutte esperienze che lo hanno formato, assimilando nel profondo i fondamentali della cultura afroamericana, permettendogli la creazione di uno stile personale, facilmente riconoscibile, identificabile nei dischi “Promenade“ e “Art Meets Art“ che lo vedono protagonista sia alla tromba che al flicorno.

Attualmente è docente di tromba presso la Milestone School of Music di Piacenza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.