Famiglie “travolte” dal gioco d’azzardo, rete piacentina al primo convegno internazionale

A Piacenza c’è chi lavora da anni sul tema del gioco d’azzardo eccessivo e con le famiglie travolte da questo problema: Alessandra Bassi, Fausta Fagnoni e Maurizio Avanzi, già impegnati da tempo sulla problematica, si sono uniti dal 2012 in una rete per sostenere i familiari dei giocatori che, nel tentativo di aiutare chi sta affondando, spesso vengono coinvolti essi stessi in un vortice di sfiducia e depressione.

Le due counsellor, la prima referente del gioco d’azzardo patologico per la Cooperativa L’Arco e la seconda referente dell’Associazione La Ricerca, insieme al dottor Avanzi, responsabile per la cura del disturbo da gioco d’azzardo dell’Ausl di Piacenza, il 10 novembre scorso hanno partecipato come relatori al primo convegno internazionale sul tema del lavoro con i familiari di chi ha una dipendenza, insieme a ricercatori ed esperti da 24 Paesi del mondo.

L’ “Addiction & the Family International Network (AFINet) – 1st International Conference” si è svolto a Newcastle(Regno Unito) da venerdì 9 a domenica 11 novembre e sabato ha ospitato l’intervento del team piacentino, dal titolo “Supporting gamblers’ families in pacification paths: Passing through lies, manipulation and love bonds”.

Sul palco dei relatori al “The Great Hall” presso il Discovery Museum di Blandford Square, Alessandra Bassi, che ha spiegato come nelle famiglie dei giocatori d’azzardo, il parlare sia pericoloso: “Tensioni enormi si trascinano per anni e i danni relazionali sono gravi quanto quelli economici”.

Per questo la rete piacentina propone percorsi di pacificazione “per aiutare le famiglie a ricostruire relazioni più positive, lavorando in gruppo sulle menzogne, sul supporto sociale e sulle loro modalità di affrontare i problemi”.

Il convegno ha dato loro la possibilità, oltre che di essere apprezzati per la qualità e l’unicità della loro relazione, anche di conoscere esperti internazionali sulle cui pubblicazioni si sono formati. È il caso ad esempio del canadese Joël Tremblay, esperto in terapia di coppia con i giocatori d’ azzardo, e del britannico Jim Orford, uno dei fondatori del metodo di counselling dei 5 passi, che nella plenaria conclusiva ha definito l’intervento piacentino “molto interessante e particolarmente originale”.

Al convegno era presente anche un’altra italiana, Daniela Capitanucci di And (Azzardo e Nuove Dipendenze), che ha focalizzato l’attenzione sul trauma dei familiari di giocatori, messi costantemente sotto stress e in situazioni di incertezza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.