PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Guida Michelin, stella confermata per “La Palta” e “Nido del Picchio”. Nel 2019 presentazione a Piacenza foto

Due conferme per Piacenza nell’élite della ristorazione. “La Palta” di Bilegno di Borgonovo Valtidone, con la chef Isa Mazzocchi, e il Nido del Picchio di Carpaneto Piacentino, con lo chef Daniele Repetti, sono fra i ristoranti premiati con una stella dall’edizione 2019 della mitica Guida “rossa” Michelin.

La tradizionale “bibbia” del mangiar bene in Italia, che propone circa 5300 alberghi e ristoranti distribuiti su 1700 Comuni, è stata presentata a Parma: 367 ristoranti i ristoranti stellati in Italia: 10 con tre stelle, 39 con due stelle, 318 con una stella.

22 invece i ristoranti premiati in Emilia Romagna, 19 con una stella, due con 2 stelle (“Magnolia di Cesenatico” e “San Domenico” di Imola) e uno con 3 stelle, il prluripremiato “Osteria Francescana” (Modena) di Massimo Bottura

Nel gotha degli chef entra il marchigiano Mauro Uliassi del ristorante Uliassi di Senigallia, che conquista per la prima volta le tre stelle: insieme a lui Massimiliano Alajmo, Le Calandre a Rubano (Padova); Massimo Bottura, Osteria Francescana a Modena; Chicco Cerea a Brusaporto (Bergamo); Enrico Crippa, piazza Duomo a Alba (Cuneo); Annie Feolde e Riccardo Monco, Enoteca Pinchiorri a Firenze; Norbert Niederkofler, St.Hubertus a San Cassiano (Bolzano); Niko Romito, Reale a Castel di Sangro (L’Aquila); Nadia e Giovanni Santini, Dal Pescatore, a Canneto sull’Oglio (Mantova), Heinz Beck, La Pergola, a Roma.

BIB GOURMAND – E’ l’Emilia-Romagna la regione italiana con il numero più alto (32) di Bib Gourmand Michelin, vale a dire quei ristoranti che propongono “una piacevole esperienza gastronomica con un menu completo a meno di 32 euro (35 nelle città capoluogo e nelle località turistiche importanti)”, identificati dalla faccia sorridente dell’Omino Michelin, Bibendum, che si lecca i baffi.

Tre sono nel piacentino: l'”Antica Trattoria Cattivelli” di Monticelli d’Ongina, la “Locanda Cacciatori” di Ponte dell’Olio e il “Caffè Grande” di Rivergaro.

IL PROSSIMO ANNO PRESENTAZIONE A PIACENZA – Sarà presentata a Piacenza, nel 2019, la 65° edizione della Guida Michelin Italia per l’anno 2020. Lo ha annunciato stamani all’auditorium Paganini di Parma, nel corso della presentazione della Guida di quest’anno, il direttore della comunicazione di Michelin Italia, Marco Do.

Grande soddisfazione da parte del sindaco Patrizia Barbieri, sul palco stamani insieme, tra gli altri, ai primi cittadini di Parma e Reggio Emilia, Federico Pizzarotti e Luca Vecchi, all’assessore alla Cultura di Reggio Emilia Natalia Maramotti, presidente di Destinazione Turistica Emilia, nonché all’assessore regionale a Turismo e Cultura Raffaele Corsini.

Patrizia Barbieri alla presentazione della Guida Michelin

“Sarà un onore e un piacere – commenta Patrizia Barbieri – ospitare la presentazione di una delle pubblicazioni più prestigiose a livello internazionale, particolarmente attesa ogni anno da critici e appassionati. Un incentivo ulteriore a collaborare per valorizzare la ricchezza del territorio piacentino, dove i viaggiatori del gusto vengono e tornano volentieri”.

L’impegno di Patrizia Barbieri per aggiudicarsi questo evento è stato intenso e assiduo: “C’è stato un articolato lavoro di collegamento tra le città della Food Valley emiliana, che ha visto coinvolte in un gioco di squadra Piacenza, Parma e Reggio Emilia. Insieme abbiamo deciso di affrontare una sfida competitiva in cui l’enogastronomia rappresenta una leva fondamentale per il turismo e per la crescita economica dei territori”.

“Condivido quello che ha dichiarato il sindaco Pizzarotti, sottolineando che le nostre città non sono in competizione, ma sanno fare sistema per valorizzare comparti produttivi di eccellenza”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.