PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La mente 2.0 che supera il dolore. Il libro di Stefano Sartori

Più informazioni su

L’algoritmo di Dio e le due menti” è un titolo che potrebbe incutere qualche timore, ma non c’è nessuna implicazione di carattere matematico nel libro che lo psicologo e psicoterapeuta Stefano Sartori ha presentato allo spazio Biffi Arte venerdì 23 novembre scorso.

C’è invece tanta esperienza del suo lavoro a stretto contatto con i problemi e le ansie delle persone e anche tanta dottrina cristiana. Ma – come ha sottolineato nella sua presentazione il giornalista Mauro Molinaroli, non è un libro rivolto ai credenti, perchè è in grado di proporre idee e una visione aperta a tutti, a prescindere dalla confessione religiosa.

“Un libro che tratta di come si può uscire dal ciclo della sofferenza, che affligge tutti noi” – ha premesso Sartori, durante la chiacchierata che ci ha concesso.

“Questa infatti dipende dalla relazione erronea con i fatti della vita. Che fa sì che noi non accettiamo il dolore e ciò che di spiacevole incontriamo nel mondo. Il conflitto genera una risposta negativa anche a livello fisiologico e biochimico. E’ così che si genera l’ansia, la sofferenza e la depressione. Tutto nasce dal ‘no’ che noi ci ostiniamo a dire”.

“Il mio libro insegna invece come cambiare l’atteggiamento – afferma – e sviluppare una relazione diversa con il mondo che ci consenta di dire sì a tutto ciò che di spiacevole si incontra. Cambiando questa disposizione, anche la sofferenza diminuisce”.

La mente 2.0 è qualcosa di alternativo alla mente con cui nasciamo che è predisposta a risolvere i problemi anche dal punto di vista fisiologico. La nostra attivazione biochimica di fondo serve a prepararci, come accadeva agli esseri umani nell’età primitiva, allo scontro con una realtà ostile e problematica.

Ma i primitivi dovevano farlo per garantirsi la sopravvivenza. Nel corso dei secoli la mente ha sempre funzionato con questo procedimento, perchè l’uomo ha agito per soddisfare i bisogni primari, cercando di migliorare la propria vita”.

Stefano Sartori libro

“Ma oggi viviamo in un ambiente – fa notare Sartori – nel quale i bisogni primari legati alla sopravvivenza sono quasi tutti soddisfatti, quindi vivere la realtà in termini di problema costituisce l’attivazione di un loop che tuttavia non conduce a una vera risoluzione. Capita così di avere a che fare con situazioni ipotetiche, come le preoccupazioni legate al futuro che alimentano una vera e propria biochimica dello stress”.

“La mente 2.0 si attiva in modo diverso anche fisiologicamente, con un funzionamento cerebrale fondato su neurotrasmettitori distinti che producono un funzionamento cerebrale specifico, che si avvicina a quello della mente contemplativa dei monaci. La realtà io la percepisco e la partecipo, ma non la voglio risolvere creando un conflitto”.

E poi il riferimento alle Sacre Scritture, alle quali il libro di Sartori attinge.

“Il Vangelo, se letto come un manuale di istruzioni, offre suggerimenti importanti – sottolinea – dal punto di vista pratico per la vita. Le comunica in modo ripetitivo, c’è sempre un’implicazione che vale per ogni lettura. Questa implicazione che si ripete è l’algoritmo che aiuta a entrare più è profondamente nella comprensione delle letture”.

“La risposta che viene da Cristo dice che “non di solo pane vive l’uomo” e quindi invita a non prendere la strada del conflitto con la realtà, ma quella della contemplazione. Ciascuno di noi ha il potere della scelta, proprio come il Creatore, nessuno di noi è costretto a percorrere la strada del conflitto”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.