PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Nuovo ospedale, ok in giunta “La Regione si impegnerà a finanziarlo nel bilancio 2019”

Nuovo ospedale, domani – martedì 13 novembre – è prevista la firma del protocollo di intenti tra Regione Emilia Romagna, Azienda Usl, Comune e Provincia di Piacenza.

Il sindaco Patrizia Barbieri, durante la seduta odierna del consiglio comunale, ha annunciato il via libera in giunta della delibera relativa all’accordo.

Ha aggiunto – rispondendo alla questione posta dal consigliere di Liberi Massimo Trespidi – che nel bilancio della Regione Emilia Romagna in approvazione entro il 31 dicembre sarà inserito un preciso impegno di spesa per l’ospedale di Piacenza.

La sua quantificazione sarà definita una volta licenziato il progetto del nuovo nosocomio dall’azienda Ausl.

“Una volta firmato il protocollo, l’Ausl sarà obbligata a realizzare uno studio di prefattibilità – ha precisato il sindaco – che dovrà indicare la sostenibilità economica, il modello ospedaliero e le soluzioni progettuali alternative per le aree occupate dall’attuale nosocomio”.

“In tempi rapidi c’è l’impegno a presentare questo studio da parte dell’Ausl – ha proseguito – per fare la conseguente valutazione di costo economico della nuova struttura ospedaliera. Alla fine dell’anno non ci sarà una cifra precisa, ma la Regione inserirà nella manovra di bilancio 2019 l’obbligo di partecipazione alla spesa, che sarà quantificata di fronte al progetto”.

A quel punto, ha puntualizzato il sindaco: “Verrà fatto un bando di evidenza pubblica da parte del Comune per la scelta della superficie dove costruire il nuovo ospedale.

Le aree saranno scelte in base alle caratteristiche tecniche confacenti alla realizzazione dell’ospedale, non c’è nessun interesse privato in questione. E voglio ricordare a chi ha speculato su questo tema che anche la Pertite non era gratis, ma sarebbe costata 5 milioni di euro, al minimo”.

Trespidi: “Ritardo di un mese e mezzo sul nuovo ospedale” – Durante il dibattito in consiglio comunale, il consigliere di Liberi Massimo Trespidi ha sottolineato come il percorso per la definizione del protocollo sia “in ritardo di un mese e mezzo”.

“Voglio ricordare che la Regione Emilia Romagna – ha fatto notare – sarà chiamata ad approvare l’ultimo bilancio dell’attuale mandato entro la fine dell’anno, mi chiedo se i finanziamenti per il nuovo ospedale di Piacenza saranno già inseriti nella manovra o servirà una variazione di bilancio.

Per questo credo che sia il mese di marzo il termine ultimo per la nostra amministrazione per indicare alla Regione la richiesta di spesa e l’area dove costruire la struttura”.

Martedì ai Teatini la firma con Regione e Ausl – La sottoscrizione del documento che dovrebbe portare all’individuazione dell’area di realizzazione del nuovo edificio sanitario, avverrà a conclusione del convegno promosso dall’Azienda Usl “Diritti alla salute – 40 anni di Servizio Sanitario Nazionale”, che avrà inizio alle 14.30 alla Sala dei Teatini.

L’intesa è propedeutica alla sottoscrizione dell’accordo di programma e dà il via al percorso finalizzato all’individuazione dell’area e alla realizzazione della struttura ospedaliera.

L’accordo fissa anche un percorso che dovrebbe concludersi entro la primavera prossima con la scelta dell’area dove sorgerà il nuovo ospedale: prima l’azienda sanitaria sarà chiamata a presentare uno studio di prefattibilità del progetto, con l’impatto viabilistico e urbanistico della struttura. A questo seguirà l’accordo di programma.

A siglare il protocollo a Piacenza saranno il presidente Stefano Bonaccini, il sindaco e presidente della Provincia di Piacenza, Patrizia Barbieri, e il direttore generale dell’Azienda Usl di Piacenza, Luca Baldino.

 

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.