PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Patuelli (Abi) a Piacenza: “Spread peso legato a debito pubblico” foto

“Lo spread incide su tutta la catena dei fattori produttivi, è un peso conseguente alla grande dimensione del debito pubblico che da 45 anni cresce di legislatura in legislatura, indipendentemente dalle fasi storiche e istituzionali: si tratta di un peso eccessivo, che l’Italia sconta”.

Patuelli alla Banca di Piacenza

Parole di Antonio Patuelli, presidente dell’Associazione Bancaria Italiana, intervenuto lunedì pomeriggio a Palazzo Galli, ospite della Banca di Piacenza, per illustrare IV volume sulle “Libertà economiche” (edizioni Libro Aperto), curato da Corrado Sforza Fogliani e contenente gli interventi di Luigi Einaudi all’Assemblea Costituente.

“Le banche – ha aggiunto a margine dell’incontro – ormai in Italia sono poche, quelle che hanno superato questo periodo di crisi in maniera brillante saranno pronte a consolidarsi ulteriormente nei prossimi anni”.

IL LIBRO – Davanti a una platea numerosa (che ha riempito la Sala Panini e la Sala Verdi videocollegata) Antonio Patuelli (presentato dal presidente del Consiglio d’amministrazione della Banca di Piacenza Giuseppe Nenna) ha sottolineato la necessità – in un mondo occidentale disorientato – di avere una bussola per evitare di perdersi.

E gli insegnamenti del primo Presidente della Repubblica eletto (maggio 1948) sono attualissimi e utilissimi allo scopo. “I principi e il metodo derivanti dagli insegnamenti di Einaudi sono fondamentali per orientarci in un contesto economico e sociale che ci vede come Occidente piuttosto disorientati”.

“Come Occidente – ha esemplificato il presidente dell’Abi – abbiamo per assurdo risentito, dopo la caduta dei Muri, della mancanza del conflitto Est/Ovest. C’è stato un calo ideale, ci siamo persi seguendo umori e mode”.

A parere di Patuelli il mondo occidentale è più avanti rispetto ad altri, “ma deve proseguire difendendo i suoi principi. Altrimenti il rischio è di diventare come quelli che giocano a mosca cieca, che vanno a tentoni, non sanno da dove vengono e dove vogliono andare”.

Ecco allora arrivare in soccorso i principi einaudiani, a partire dalla distinzione tra Stato, società civile e religiosità. Ed i volumi sulle Libertà economiche editi da Libro Aperto sono un utile strumento per rinfrescare la nostra memoria con questi principi di cui trasudano i suoi discorsi all’Assemblea Costituente, come Presidente della Repubblica e come Governatore della Banca d’Italia.

“Per le nostre banche – ha proseguito il presidente Abi – avere una solida base culturale è importante. Ricordo che il mio professore Nicola Matteucci mi esortava a leggere Minghetti, sopratutto un libretto dove parlava della morale applicata all’economia, sostenendo che se un’operazione economica è contraria all’etica, non deve essere fatta, anche se non va contro la legge. L’etica dunque viene prima della norma, un concetto presente in Einaudi”.

Antonio Patuelli ha insistito sull’attualità del pensiero di Einaudi, soprattutto in questo momento così complesso della vita economica: “Appena sono diventato presidente dell’Abi – ha raccontato – ho fatto ristampare “La difficile arte del banchiere”, dove ci insegna che come uomini di banca dobbiamo essere indipendenti da tutto e offrire un servizio asettico a 360°. Come Abi, garantiamo l’assoluta indipendenza del mondo bancario rispetto, per esempio, alla politica. Sull’attuale manovra cerchiamo di dare una valutazione che non sia una fotografia troppo istantanea, ma che guardi oltre”.

L’illustre relatore ha quindi fatto una disamina dell’attuale situazione economica italiana: «Il bilancio dello Stato è in deficit da 45 anni. Quindi non c’è solo un problema di rapporto deficit/Pil, ma di stock del debito pubblico, che è sempre cresciuto. In questa maniera non possiamo andare avanti molti anni. Dobbiamo avere una visione alta”.

“Il debito pubblico non è solo un problema dello Stato o delle banche, che sono degli intermediari che devono tutelare i depositanti. E che non vanno penalizzate: vedi il tentativo, stoppato, di tassare del 15% i costi e la riforma dell’Ace, questa ancora nel testo della manovra, un istituto giuridico che dava un incentivo alle società che mettevano cifre a riserva patrimoniale. Istituto sostituito da un marchingegno che non favorisce la patrimonializzazione”.

Patuelli all’inizio del suo intervento aveva fatto i complimenti alla Banca di Piacenza per la grande vivacità culturale e per farsi promotrice di attività che restano, come la Salita al Pordenone.

Il presidente del Comitato esecutivo Corrado Sforza Fogliani ha ringraziato il presidente Abi e ha ricordato di aver conosciuto Einaudi “quando avevo 23 anni” e di averlo sempre considerato il suo maestro. “La più grande rivoluzione sociale per l’emancipazione di un popolo – ha concluso Sforza – è l’uguaglianza dei punti di partenza, sempre sostenuta da Einaudi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.