PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il pianoforte di De Padova e la Toscanini inaugurano la stagione concertistica al Municipale fotogallery

E’ stata la Filarmonica Arturo Toscanini, diretta da Giovanni Di Stefano, ad inaugurare sabato sera al Municipale la Stagione Concertistica 2018/2019 della Fondazione Teatri di Piacenza.

Al pianoforte Giulio De Padova, vincitore dell’edizione 2017 dei prestigiosi Premi “Silvio Bengalli” e “Enrica Prati”, chiamato a interpretare uno dei brani pianistici più famosi di sempre, quel Concerto n. 2 per pianoforte e orchestra che segnò la rinascita artistica di Sergej Rachmaninov.

A completare il programma la Sinfonia in mi minore di Alberto Franchetti, di non frequente esecuzione, composta e eseguita in parte al Conservatorio di Dresda nel 1885 e poi integralmente a Reggio Emilia nel 1886, dove ottenne grande successo.

Giulio De Padova, classe 1986, è considerato uno dei pianisti più interessanti della sua generazione. Dotato di un suono di rara bellezza, vanta un repertorio considerevole, compresi i Dodici Studi Trascendentali di Liszt eseguiti in diverse città italiane.

Vincitore di numerosi concorsi nazionali e internazionali, ha al suo attivo oltre cento recital solistici e con orchestra. Tra gli impegni più rilevanti, i Concerti con l’Orchestra Sinfonica della Radio di Budapest presso la Academy of Music di Budapest su diretto invito del Maestro Tamás Vásáry, quale Direttore d’orchestra, e numerosi concerti solistici in tutto il mondo tra cui Cina e America.

Il maestro Giovanni Di Stefano ha all’attivo numerosi concerti sinfonici in Italia e in Austria, Germania, Inghilterra, Lussemburgo, Romania, Slovenia, Svizzera, Giappone, Bulgaria e Romania.

Ha inoltre diretto oltre cinquanta opere, tra cui prime esecuzioni moderne e recuperi di titoli di compositori italiani tra Settecento e Ottocento in Teatri quali il San Carlo di Napoli, il Massimo di Palermo, il Verdi di Trieste, il Carlo Felice di Genova, il Petruzzelli di Bari, il Filarmonico di Verona, e in numerosi Teatri di Tradizione, collaborando con interpreti famosi e favorendo il debutto di giovani artisti.

Nel 2013 ha ricevuto il Premio Paisiello per la divulgazione della musica del compositore. Dal 2015 è presidente e direttore artistico del Teatro di tradizione dell’Opera Giocosa di Savona.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.