A Profondo Giallo il concorso per scrittori “nottambuli”

Il Festival “Profondo giallo” fra le tante chicche che offre agli ospiti e agli appassionati, propone anche un concorso letterario molto particolare: “Piacenza scrive di notte“. La sfida è scrivere un racconto in cinque ore, dalle ore 21 di sabato 17 novembre alle 2 del mattino dopo.

Il tutto partendo da un incipit dello scrittore Gianluca Morozzi, fra gli ospiti del festival piacentino, che rimarrà segreto fino alle ore 21 di sabato quando, alla libreria Bookbank di via San Giovanni, verrà letto ai concorrenti presenti che potranno a quel punto iniziare a scrivere il loro racconto.

Non solo loro scrittori “dal vivo” però, infatti alla stessa ora l’incipit di Morozzi sarà pubblicato sul sito www.festivalprofondogiallo.it e sulla pagina Facebook ProfondoGiallo e coloro che vorranno cimentarsi nella prova potranno scrivere da casa (meglio se in compagnia) il loro racconto e inviarlo via mail entro le 2 del giorno dopo alla mail info@boobankpiacenza.it.

Si tratta di una esperienza mutuata dal concorso “Turno di notte”, organizzato dal collettivo Officine Wort e dalla Coop Bacchilega di Imola, che da dieci anni si tiene in varie sedi “fisiche” in tutta Italia (oltre che nella partecipazione via web) ad inizio luglio e che ha visto la partecipazione di qualche centinaio di concorrenti negli anni.

Proprio Officine Wort sarà presente a partire dalle ore 19.30 alla libreria Bookbank di Piacenza per raccontare la propria esperienza. Lo scrittore Luca Occhi, tra i fondatori del collettivo, presenterà il volume che raccoglie i racconti premiati nei dieci anni del concorso Turno di Notte.

Inoltre sarà l’occasione per conoscere l’attività di Officine Wort, passata da altri concorsi come il concorso “Chi ha ucciso Lucarelli?” che ha dato vita ad un romanzo totale uscito in una collana della Bacchilega Editore.

Non solo libri collettivi nella presentazione delle ore 19.30. In perfetta sintonia con Profondo Giallo verrà infatti presentato “Il Cainita” (uscito nella collana #Comma21 di Damster edizioni) scritto dallo stesso Luca Occhi in cui il commissario Rinaldi, che ha messo da parte le aspirazioni di carriera, ma che si trova a dare la caccia ad un assassino che che uccide una suora, la ragazzina più buona d’Italia e altre persone perbene.

Rinaldi, che cercava sola una carriera tranquilla, dovrà affrontare qualcosa che viene dal passato, un’intricata indagine che si trasformerà in una questione personale giocata sul filo della follia.

E un briciolo di follia servirà anche ai partecipanti del concorso letterario “Piacenza scrive di notte” che inizierà subito dopo, come detto, sia alla Libreria Bookbank di via San Giovanni, che in rete.

Luca Occhi, che presiederà la giuria, leggerà l’incipit di Gianluca Morozzi alle ore 21 e dopo resterà in attesa del lavoro degli scrittori che, come presidente della giuria, dovrà valutare per scegliere i migliori racconti che saranno pubblicati in un volume a cura di Officine Gutenberg nella collana Graffette. Solo allora il mistero verrà svelato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.