PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Rugby Lyons supera il test dell’amichevole contro Valpolicella foto

Valpolicella Rugby Club – Rugby Lyons 10-14  

Rugby Lyons: Masselli, Malta, Via G., Conti, Di Lucchio, Guillomot, Via A, Lekic, Basilico, Bedini, Pedrazzani, Grassi, Salerno (CAP), Greco, Potgieter. A Disp: Borghi, Rapone, Merli, Bance, Atanasov, Petrusic, Canderle, Da Capo.

Tabellino: 10’ mt Greco trasf. Guillomot; 32’ mt Valpolicella; 48’ mt Canderle trasf. Guillomot; 65’ mt Valpolicella

La Sitav Rugby Lyons è tornata in campo sabato 24 novembre per un’amichevole contro il Rugby Club Valpolicella, utile per vedere all’opera giocatori poco utilizzati in campionato e infortunati al rientro, oltre che per provare nuove soluzioni di gioco.

Nonostante una formazione sperimentale e con molti titolari a riposo, i bianconeri hanno portato a casa una vittoria risicata, ma frutto di un’ottima applicazione difensiva e una grande prova del reparto degli avanti, riuscendo a limitare le azioni offensive della formazione veneta e vincendo grazie alle due trasformazioni di Guillomot, che hanno fatto la differenza rispetto ai due calci mancati dal Valpolicella.

I Lyons sono partiti subito forte, mettendo in crisi la difesa veronese nelle prime fasi di partita con azioni veloci e mostrando una buona superiorità atletica: dopo 10’ il forcing porta i risultati sperati ed è Greco a marcare la prima meta dell’incontro. Dopo lo sprint iniziale però il Valpolicella comincia a prendere ritmo e fiducia, da ritrovare anche per la squadra giallorossa dopo la pausa del campionato, e ancorandosi a un gioco fisico e alla superiorità in mischia chiusa riesce a guadagnare campo, costringendo a lunghe fasi di difesa nei 22 metri ai Lyons. Il Valpolicella ha dimostrato di essere una squadra molto ben organizzata, conscia dei propri punti forti, ovvero la mischia, e ha messo in difficoltà dei Lyons a cui è mancata un po’ di esperienza e lucidità per chiudere il discorso presto nella partita: la marcatura pesante per i veneti arriva al 30’, e fissa il risultato sul 5-7 fino alla fine del primo tempo, nel complesso combattuto e dal risultato giusto.

Nel secondo tempo il canovaccio non cambia: la mischia del Valpolicella martella la difesa Lyons sullo stretto e nelle fasi statiche, ma i bianconeri si difendono con grande ordine e volontà provando qualche buona sortita offensiva quando recuperano il possesso. Proprio da un’azione veloce in contrattacco nei primi minuti arriva la meta del nuovo entrato Canderle, che porta i Lyons sul 5-14 dopo la trasformazione di Guillomot. Dopo la seconda marcatura la partita si fa davvero serrata e tesa, con il Valpolicella che mette in campo tutta la sua fisicità inchiodando i Lyons in difesa per riaprire la partita. La resistenza dei bianconeri è ottima, e per quasi 20’ reggono l’urto nei propri 22 metri, prima di concedere la meta del 10-14 al primo errore difensivo. Gli ultimi minuti sono ancora in apnea, ma lo sforzo dei Lyons è sufficiente a mantenere l’esiguo vantaggio e portare a casa una vittoria esigua contro una squadra organizzata e rognosa, che ha confermato di poter dire la sua nel campionato di Serie A. Da segnalare anche l’ottima prova da capitano di Salerno, che ha dato grande tranquillità alla squadra e ha tenuto l’ordine e la disciplina, oltre che alle tante singole prestazioni dei tanti giovani prodotti del vivaio che si sono messi in mostra.

Il Capo Allenatore della Sitav Rugby Lyons Emanuele Solari si può dire soddisfatto della risposta dei suoi uomini sul campo: “È andato tutto bene, per le condizioni in cui era stata preparata la partita, con tanti titolari a riposo precauzionale: avevamo una squadra sperimentale, in cui abbiamo provato qualche nuovo innesto dalla seconda squadra e dalla Under 18, e in cui abbiamo messo in campo alcuni infortunati al rientro per monitorare le loro condizioni. A me e a Davide Baracchi Il risultato interessava relativamente, e così nel secondo tempo abbiamo dato ulteriore spazio ai giovani lasciando in panchina gli stranieri: avevamo in mediana due ragazzi di 19 anni come Dal Capo e Giovanni Via, e la coppia di centri formata da Malta, un ragazzo dell’Under 18, e Di Lucchio, 20 anni, che si comportati bene, dimostrando la bontà del lavoro dei nostri tecnici del settore giovanile che riescono sempre a fornire ottimi elementi alla prima squadra.” Come detto più volte la formazione utilizzata era finalizzata a provare il maggior numero di giocatori disponibili, con qualche esperimento mirato al futuro: “Molti ragazzi – prosegue Solari – hanno giocato fuori ruolo come Masselli e Lekic, ma ci sono stati ottimi spunti per il futuro, sono soddisfatto dai risultati ottenuti e alcune soluzioni verranno riproposte. Faccio davvero i complimenti a Malta, che in difesa si è fatto sentire, nonostante un dolore alla spalla. I giocatori fuori ruolo si sono impegnati, anche se c’era confusione dettata della poca abitudine a giocare insieme. I ragazzi della seconda squadra si sono comportati bene, soprattutto dal Capo in mediana, e anche alcuni infortunati che rientravano hanno dato un contributo positivo. In vista della partita contro Recco ci sono sensazioni positive: questa amichevole mi ha dato qualche spunto su cui lavorare per il futuro.”

Dopo questa amichevole che serviva a riprendere ritmo, ora per i Lyons arriva un nuovo ciclo di quattro partite in un mese che può ancor più consolidare la leadership bianconera in campionato: si partirà da un grande classico del campionato di Serie A degli ultimi 10 anni, ovvero la sfida casalinga con la Pro Recco, quest’anno in leggera difficoltà e con una sola vittoria all’attivo, ma un avversario sempre difficile da affrontare, per poi proseguire con le sfide a CUS Milano e Biella (in trasferta) e VII Torino (in casa). I bianconeri hanno dimostrato ancora una volta il loro potenziale e sono pronti alle nuove battaglie.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.