PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Con “Trascendi e sali” Bergonzoni torna al Municipale

Dopo la Prosa, al Teatro Municipale è la volta degli Altri Percorsi, il secondo cartellone della Stagione “Tre per Te” 2018/2019 proposta da Teatro Gioco Vita, direzione artistica di Diego Maj, con la Fondazione Teatri di Piacenza, il Comune di Piacenza e il sostegno di Fondazione di Piacenza e Vigevano e Iren.

Atteso ritorno di Alessandro Bergonzoni con il suo ultimo spettacolo, “Trascendi e Sali”, di cui firma anche la regia insieme a Riccardo Rodolfi. Appuntamento martedì 20 novembre alle ore 21 al Teatro Municipale di Piacenza, per il quale si prevede ancora un tutto esaurito.

LO SPETTACOLO – “Trascendi e Sali”: un consiglio ma anche un comando. O forse una constatazione dovuta ad una esperienza vissuta o solo un pensiero da sviluppare o da racchiudere all’interno di un concetto più complesso.

Perché in fin dei conti Alessandro Bergonzoni in tutto il suo percorso artistico, che in questi anni l’ha portato oltre che nei teatri, nei cinema e in radio, nelle pinacoteche nazionali, nelle carceri, nelle corsie degli ospedali, nelle scuole e nelle università, sulle pagine di giornali quotidiani e settimanali, nelle gallerie d’arte e nelle piazze grandi e piccole dei principali festival culturali, è diventato un “sistema artistico” complesso che produce e realizza le sue idee in svariate discipline per, alla fine, metabolizzare tutto e ripartire da un’altra parte facendo tesoro dell’esperienza acquisita.

E tutto questo ad un autore che non ha rinunciato alla sua matrice comica, mai satirica, si aggiunge un’ulteriore, ovvia, complessità per il suo quindicesimo debutto teatrale. “Trascendi e Sali” arriva infatti dopo “Urge” e “Nessi” (entrambi visti al Municipale di Piacenza sempre nel cartellone Altri Percorsi della Stagione di Prosa firmata da Teatro Gioco Vita, rispettivamente nel 2010 e nel 2014), spettacoli che hanno inciso profondamente Bergonzoni, in tutti i sensi, aprendogli artisticamente e socialmente strade sempre più intricate e necessarie.

Uno spettacolo dove il disvelamento segue e anticipa la sparizione, dove la comicità non segue obbligatoriamente un ritmo costante e dove a volte le radici artistiche vengono mostrate per essere subito sotterrate di nuovo.

“Trascendi e Sali” come vettore artistico di tolleranza e pace, colmo di visioni che, magari, riusciranno a scatenare le forze positive esistenti nel nostro essere. Piuttosto che in avanti potrebbe essere, artisticamente, un salto di lato a dimostrazione che a volte per una progressione non è sempre necessario seguire una linea retta.

Dove la carta diventa forbice per trasformarsi in sasso, dove il comico si interroga per confessare e chiedere e tornare a indicare quello che evidentemente lui vede prima degli altri. Forse dall’alto delle sue scenografie o nella regia condivisa con Riccardo Rodolfi. Forse. Sicuramente. Sicuramente forse.

Nato a Bologna nel 1958, artista, attore, autore e scrittore, Alessandro Bergonzoni ha quattordici spettacoli teatrali al suo attivo e sei libri tra i quali ricordiamo “Le Balene Restino Sedute” (Mondadori 1989), Palma D’Oro 1990 di Bordighera come miglior libro comico dell’anno; “Non ardo dal desiderio di diventare uomo finché posso essere anche donna bambino animale o cosa” (Bompiani 2005), “Bastasse Grondare” (Scheiwiller 2009). Nel 2013 pubblica “L’amorte” (Garzanti) il suo primo libro di poesia. Nel cinema due partecipazioni: “Pinocchio” (2001) di Roberto Benigni e “Quijote” (2006) di Mimmo Paladino.

Intensa e continua la sua collaborazione con radio e giornali, da anni tiene una rubrica sul “Venerdì di Repubblica” dal titolo “Aprimi Cielo”, dal 2005 si avvicina anche al mondo dell’arte esponendo in varie gallerie e musei italiani. Da sempre unisce al suo percorso artistico un interesse profondo per i temi legati al coma, alla malattia, e al mondo carcerario, tenendo su questi argomenti incontri in vari ambiti.

Ha vinto il Premio UBU nel 2009 come migliore interprete maschile nel teatro italiano, il premio Hystrio nel 2008 e il Premio della Critica dell’associazione nazionale critici di teatro nel 2004/2005. Parallelamente al tour dello spettacolo “Nessi” ha presentato alla Pinacoteca di Bologna “Tutela dei beni: corpi del (C)reato ad arte (il valore di un’opera, in persona)”, installazione performativa che replicherà successivamente in altre prestigiose pinacoteche italiane. “Trascendi e Sali” è il suo ultimo spettacolo.

BIGLIETTI TEATRO MUNICIPALE

Platea € 28 (intero) 26 (convenzioni) 24 (ridotto)

Posto Palco € 26 (intero) 24 (convenzioni) 22 (ridotto)

Ingresso Palchi/Galleria € 16 (intero) 15 (convenzioni) 14 (ridotto)

Galleria numerata € 21 (intero) 20 (convenzioni) 19 (ridotto)

Loggione numerato € 13 (intero) 12 (convenzioni) 11 (ridotto)

Ingresso Loggione € 8

Studenti € 13 (posto unico in galleria)

INFO E BIGLIETTERIA – TEATRO GIOCO VITA, Via San Siro 9, Piacenza – Telefono 0523.315578 – biglietteria@teatrogiocovita.it. Orari di apertura: dal martedì al venerdì ore 10-16. Il giorno dello spettacolo la biglietteria funziona unicamente nella sede della rappresentazione a partire dalle ore 19 (Teatro Municipale, via Verdi 41, tel. 0523.492251).

Per informazioni: Teatro Gioco Vita, Biglietteria/Promozione pubblico 0523.315578 info@teatrogiocovita.it

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.