Concerto di San Silvestro: al Municipale le musiche di Morricone, Rota e Gershwin

Da C’era una volta in America a Nuovo Cinema Paradiso, da Amarcord a 8 ½, da The Phantom of the Opera a Star Wars: tutto il fascino evocativo delle più celebri colonne sonore per salutare il 2018 a tempo di musica.

Lunedì 31 dicembre alle ore 18, nell’ambito della Stagione Concertistica 2018/2019 della Fondazione Teatri di Piacenza, il ricco programma musicale vedrà protagonista l’Orchestra Filarmonica Arturo Toscanini diretta da Jacopo Rivani, giovane talento in ascesa nato nel 1989, e il clarinetto solista di un artista eclettico quale Giorgio Babbini.

Si partirà con l’omaggio a Ennio Morricone, per festeggiare i suoi 90 anni. Il celebre compositore, nato nel 1928, ha accompagnato con le sue inconfondibili musiche la storia del cinema italiano e internazionale. Oltre a C’era una volta in America di Sergio Leone, in programma anche Gabriel’s Oboe da Mission e il tema d’amore da Nuovo cinema Paradiso di Tornatore.

Sarà poi la volta delle struggenti melodie di Nino Rota scritte per i capolavori felliniani, per continuare con Stardust di Hoagy Carmichael, una selezione dal musical The Phantom of the Opera di Andrew Lloyd Webber, la Suite da Girl Crazy di George Gershwin.

La parte finale del programma sarà ancora “cinematografica”, tra Pirates of the Caribbean Suite di Klaus Badelt e le famosissime melodie scritte per la saga Star Wars da John Williams.

Al termine del concerto, sarà possibile brindare al nuovo anno con l’aperitivo con buffet e calice di champagne (euro 15) presso il Caffé del Teatro Municipale.

Per informazioni: biglietteria@teatripiacenza.it – www.teatripiacenza.it.

Jacopo Rivani, nato a Ravenna, nonostante la giovane età ha già diretto alcuni dei principali titoli lirici di repertorio, tra cui La Traviata (2014), Rigoletto (2016), Nabucco (2017), Il Barbiere di Siviglia(2014, 2016, 2017, 2018), Don Pasquale (2016), L’elisir d’Amore, (2015, 2016) Cavalleria Rusticana (2017, 2018), Carmina Burana (2017), oltre ad alcune delle principali pagine sinfoniche di Beethoven, Tchaikovsky, Mahler, Mozart.

Da segnalare la direzione in prima mondiale delle opere “Milo, Maja e il giro del mondo” di M. Franceschini (2015) e “Ettore Majorana – cronaca di infinite scomparse” di R. Vetrano (2017) entrambe con grande successo di pubblico e critica. Ha preso parte ad alcuni importanti Festival e partecipato alle stagioni di alcuni tra i principali teatri italiani.

Ha diretto, tra le altre, la Haydn Orchester di Trento e Bolzano, l’Orchestra Filarmonica Arturo Toscanini, l’Orchestra Regionale dell’Emilia Romagna, l’orchestra “I Pomeriggi Musicali di Milano” e l’Orchestra Arcangelo Corelli, della quale è attualmente direttore Artistico e Musicale.

Giorgio Babbini svolge da anni con versatilità l’attività di clarinettista, compositore, arrangiatore e direttore d’orchestra collaborando in varie formazioni (sinfoniche, cameristiche, jazzistiche) per Teatri e Festival (Spoleto, Ravenna, Bologna, Milano, San Pietroburgo, ecc.), programmi radio-televisivi (Rai TV, Radio Tre, Radio Svizzera Italiana), rassegne e dirette in streaming.

Ha condiviso il palcoscenico con musicisti quali Stefano Bollani, Pietro De Maria, Fabrizio Bosso, Gabriele Mirabassi, Cheryl Porter, Simone Zanchini, Gianluigi Trovesi e altri ancora. È autore di composizioni edite dalla College Music, dalla Warner–Chappel, e ha collaborato per la Ricordi alla revisione di opere didattiche. All’interno della stagione concertistica 2012/13 del Teatro alla Scala di Milano, è stata eseguita una sua composizione in prima assoluta per la commemorazione del compositore ungherese Béla Bartók.

In occasione dell’edizione 2013 del Ravenna Festival è stato chiamato a dirigere l’Orchestra Giovanile “Luigi Cherubini”, alla presenza di Riccardo Muti, per eseguire proprie elaborazioni sinfoniche di musiche di Secondo Casadei in una serata commemorativa.

Attualmente sta lavorando a progetti concertistici e discografici fra i quali spicca quello in ricordo di Gerry Mulligan.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.