Quantcast

Furto e contrabbando di carburante, al capobanda sequestrati beni per 300mila euro

Più informazioni su

Beni immobili e conti correnti per un valore complessivo di 300mila euro sono stati sequestrati dai finanzieri del comando provinciale di Piacenza a un cittadino genovese residente nell’alessandrino.

Il provvedimento cautelare, disposto dal tribunale di Torino previa richiesta della Procura della Repubblica Alessandria, è scattato al termine delle indagini di natura patrimoniale compiute dai militari del nucleo di polizia economico-finanziaria, che – riferiscono gli inquirenti – “hanno consentito di ricostruire l’intero patrimonio del cittadino ligure e accertare una consistenza dello stesso del tutto sproporzionata e non giustificabile rispetto agli esigui redditi dichiarati al fisco”.

L’uomo, gravato da condanne e precedenti penali per associazione a delinquere, furto, truffa, ricettazione, traffico di sostanze stupefacenti e frode fiscale – spiega una nota -, è stato a capo, tra il 2014 e il 2015, di un’organizzazione criminale, operante nelle province di Piacenza, Brescia e Alessandria, dedita al furto e al contrabbando di prodotti petroliferi.

Le fiamme gialle piacentine, all’epoca, scoprirono che ingenti quantità di biodiesel, destinate alla raffineria Eni di Sannazzaro de’ Burgondi (Pavia), venivano “dirottate” nelle campagne alessandrine per essere scaricate all’interno di una cascina e, successivamente, vendute “in nero”.

Nei giorni scorsi, i militari hanno messo i sigilli a un appartamento e un compendio immobiliare. adibito a base logistica per autotrasporti, e bloccato conti correnti nella disponibilità del genovese, che si ritengono ottenuti grazie ai proventi dell’attività illecita.

Il provvedimento cautelare in questione, disposto dall’autorità giudiziaria piemontese, – evidenzia il comando provinciale – rientra nell’ambito delle misure di prevenzione patrimoniali previste dalla normativa antimafia (D.Lgs. 159/2011), destinate a neutralizzare talune categorie di soggetti in conseguenza della loro riconosciuta attitudine a porre in essere condotte illecite e ad aggredire i loro patrimoni illegalmente costituiti e detenuti.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.