Irpef, Possibile: “Il Comune chieda di aumentare l’aliquota massima per i redditi più elevati”

Più informazioni su

Pubblichiamo l’intervento a firma del comitato piacentino di Possibile, partito fondato da Giuseppe Civati, in tema di addizionale Irpef

IL TESTO – Il consigliere Rabuffi di Piacenza in Comune, che Possibile sostiene dalle ultime elezioni comunali, ha definito il comportamento della maggioranza sul tema addizionale Irpef da “dilettanti allo sbaraglio”.

Ci ritroviamo in questa definizione, perché il dibattito si è concentrato su accuse infantili reciproche tra i componenti della maggioranza e non ha mai coinvolto un’analisi su come sarebbe ideale modulare le imposte comunali e sulle fonti alternative di finanziamento che copriranno il mancato gettito fiscale.

Abbiamo criticato aspramente già in campagna elettorale l’aumento Irpef approvato dall’amministrazione precedente, non per cercare facili consensi, ma sulla base di un’analisi concreta: tale proposta, schiacciando tutte le aliquote tra 0.7 e 0.8%, avrebbe completamente annullato la progressività fiscale imposta dall’articolo 53 della Costituzione, che continua ad essere la nostra guida politica, nonostante non sia più di moda parlarne.

In pratica, sarebbero stati i meno abbienti a pagare il conto. Un Robin Hood al contrario.

Il problema nel modulare adeguatamente l’addizionale comunale Irpef è l’imposizione di un limite massimo di 0.8% alle aliquote. Dato il precedente del Comune di Roma (che ha ottenuto un innalzamento di tale limite dal 2011 per poter risanare il proprio debito), suggeriamo all’amministrazione comunale di richiedere all’attuale Parlamento la possibilità di aumentare l’aliquota massima, solamente per le fasce di reddito più elevate.

Inoltre, sarebbe auspicabile un’estensione significativa della fascia di esenzione dall’addizionale comunale, in modo da poter eventualmente alzare tutte le aliquote senza penalizzare i cittadini meno abbienti, per esempio intervenendo sulla fascia di esenzione basata sull’Isee.

Il Comune di Piacenza potrebbe essere in questo modo capofila di un movimento di comuni italiani che si battono per garantire il rispetto della progressività fiscale anche a livello locale, portando avanti queste proposte di Possibile nelle opportune sedi regionali e nazionali.

Noi siamo a disposizione dell’amministrazione per collaborare, nel caso decidesse di smettere di litigare ed entrare nel merito della tematica.

La presenza della soglia di esenzione basata sull’Isee rappresenta già oggi un’eccellenza del modello di fisco locale piacentino rispetto al resto d’Italia, permettendo di considerare la situazione economica complessiva dell’intero nucleo familiare, che è di sicuro una migliore misura dello stato di difficoltà economica rispetto al solo reddito imponibile individuale.

Tuttavia tale misura è sconosciuta alla maggioranza dei piacentini. Invitiamo quindi il Comune a mantenerla anche in caso di revisione futura delle aliquote, e ad adottare opportuni strumenti di comunicazione per rendere i cittadini aventi diritto consci di questa agevolazione e facilitare loro il processo di richiesta.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.