PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

L’aria di Piacenza torna “respirabile”, prima clima mite poi si va sotto zero

Più informazioni su

L’aria di Piacenza torna respirabile. Dopo una settimana contraddistinta da un elevato tasso d’inquinamento e sette giorni consecutivi di sforamento dei limiti di Pm10, il cambio metereologico degli ultimi giorni ha migliorato la qualità dell’aria della nostra città.

I livelli di Pm10 hanno iniziato ad abbassarsi già venerdì 7 dicembre (49 microgrammi per metro cubo, appena sotto la soglia stabilita, pari a 50 mcg) per poi scendere nettamente sotto l’asticella di emergenza nelle giornate di sabato 8 (23 microgrammi) e domenica 9 dicembre (23 microgrammi).

I DATI PM10 DEGLI ULTIMI GIORNI

Clima sereno e ventoso, accompagnato da temperature miti (massime fino a 13 gradi) accompagnano lunedì 10 e martedì 11 dicembre (massime fino a 9 gradi), ma l’abbassamento termico è già alle porte; secondo gli esperti del meteo la colonnina di mercurio già nella notte di martedì scenderà fin sotto lo zero, mentre nelle giornate a seguire nei valori massimi non supererà i 4 gradi. Il freddo sarà accompagnato da qualche nuvola, ma non sarebbero previste precipitazioni almeno fino a venerdì 14 dicembre, quando anche in pianura sono previsti i primi fiocchi di neve.

Da martedì 11 dicembre revocati i divieti – Rientra l’allarme inquinamento atmosferico e vengono sospese le conseguenti misure emergenziali, ripristinando da domani, martedì 11 dicembre incluso i consueti provvedimenti in vigore dal 1° ottobre al 31 marzo, previsti dal Piano regionale per la qualità dell’aria.

Sono infatti tornati sotto i parametri massimi i valori di Pm10 rilevati in questi giorni, riportando a livello zero lo stato di allerta.

Ciò significa che da domani tornano in vigore le consuete limitazioni al traffico previste dal Piano regionale integrato per l’aria, dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 18.30, con il divieto di circolazione per i veicoli a benzina pre Euro ed Euro 1, nonché per i diesel sino alla categoria Euro 3 inclusa, i ciclomotori e motocicli a due tempi pre Euro. Sempre d’obbligo, come prevede la normativa, lo spegnimento del motore per i mezzi in sosta.

Le misure emergenziali – Le misure emergenziali previste a livello regionale prevedono l’estensione dei limiti alla circolazione anche ai veicoli Diesel Euro 4 (nelle aree delimitate dai Comuni). I limiti alla circolazione nei centri urbani per i veicoli più inquinanti restano validi, inoltre, tutti i giorni – compresi il sabato e la domenica – dalle 8,30 alle 18,30.

Sono inoltre previste ulteriori misure:

– divieto di uso di biomasse per il riscaldamento domestico (in presenza di impianto alternativo) con classe di prestazione emissiva inferiore a 4 stelle

– abbassamento del riscaldamento fino ad un massimo di 19°C nelle abitazioni e 17°C nei luoghi che ospitano attività produttive e artigianali

– divieto di combustione all’aperto (residui vegetali, falò, barbecue, fuochi d’artificio ecc…)

– divieto di sosta con motore acceso per tutti i veicoli

–  potenziamento dei controlli sulla circolazione dei veicoli nei centri urbani e sulle altre misure

– divieto di spandimento di liquami zootecnici senza tenciche ecosostenibili

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.