“Le Disavventure di Pinocchio”, la favola musicale debutta al Verdi di Fiorenzuola

Più informazioni su

Immaginate una baracca dei burattini a dimensioni giganti, su cui si muovono personaggi dalle fattezze, dimensioni e qualità più varie, per mettere in scena la storia di Pinocchio.

Immaginate che il grande teatro di figura italiano si fonda con le proiezioni e il video mapping, e che la musica dal vivo mescoli strumenti classici ed elettronici…

Affonda le radici nella tradizione ma guarda ai linguaggi contemporanei “Le Disavventure di Pinocchio”, favola musicale per ragazzi e bambini dai 5 anni in su, basata sul romanzo di Carlo Collodi. La nuova produzione nata a Vianino (Pr), nel cuore della Valle del Ceno, debutta al Teatro Verdi di Fiorenzuola D’Arda (Piacenza), inserita nella stagione teatrale “CoSmicità… l’ironia delle stelle”.

Due le repliche aperte liberamente al pubblico, sabato 22 dicembre alle 21.15 e domenica 23 dicembre alle 17, mentre sabato mattina ci sarà un’alzata di sipario per le scuole.

Il progetto è ideato dal Trio Amadei, che firma anche le musiche e le interpreta dal vivo con i solisti della Vianiner Philharmoniker, Annamaria Senatore (canto e voce recitante) e il polistrumentista Vincenzo Vasi.

Lo spettacolo nasce con la drammaturgia e scenografia di Patrizio Dall’Argine, del Teatro Medico Ipnotico (con la supervisione del regista Emanuele Gamba) e affronta con delicatezza e leggerezza temi come l’origine e l’identità dell’uomo.

La storia è quella che tutti conoscono, ma con un finale a sorpresa: Pinocchio ha origine da un pezzo di legno che racchiude uno spirito. La cosa che desidera di più è trasformarsi, crescere, diventare bambino. Viene quindi messo di fronte alla natura dell’uomo e conosce emozione, tradimento, tristezza, gioia, perdizione, tentazione, paura, amicizia, abbandono, amore e libero arbitrio.

La Fata Turchina potrebbe trasformarlo, ma farà di più, facendo scoprire a Pinocchio la bellezza della propria unicità, ciò che lo rende unico e irripetibile come un’impronta digitale.

“Da molti anni lavoriamo insieme cercando di unire, attraverso la musica, culture e generi diversi, – spiegano i fratelli Liliana, Antonio e Marco Amadei – perseguendo la qualità artistica e creando un ponte tra musica classica e contemporaneità. Siamo convinti che l’unione di mondi diversi generi bellezza, veicoli le emozioni, raggiunga un pubblico più vasto ed eterogeneo.

È grazie a queste convinzioni che ha preso vita questo spettacolo che mette in luce la ricchezza, la creatività, le maestranze e il fine artigianato italiani”.

“Pinocchio” è organizzato da Associazione Culturale UTINAM. Produzione esecutiva: Marco Amadei e Marta Cioffi. L’ingresso è gratuito.

È già possibile prenotare i posti, contattando la biglietteria del Teatro di Fiorenzuola (aperta dal martedì al sabato dalle 10.00 alle 12.30) al numero di tel. 0523/985253 – 989250. Info: www.facebook.com/LeDisavventureDiPinocchio

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.