Dopo Piacenza ecco la “Val d’Arda dall’alto”, il libro Tip.Le.Co foto

La straordinaria varietà del paesaggio piacentino: Tip.Le.Co. pubblica “Val d’Arda dall’alto” – La nota stampa

A un anno di distanza da “Piacenza dall’alto”, Tip.Le.Co. Edizioni dedica un volume di fotografia aerea alla valle dell’Arda e all’area circostante: un territorio che nella sua varietà, complessità e bellezza rivela infinite chiavi di lettura.

Val d’Arda dall’alto abbraccia un’ampia zona situata a est di Piacenza, dalla Pianura a sud del Po sino alle cime appenniniche, con l’intento di cogliere quei segni che, ben evidenti o celati dal mutare del paesaggio, caratterizzano l’identità dei luoghi.

Val d'Arda dall'alto

Per 192 pagine si dispiega uno straordinario repertorio di immagini inedite realizzate dallo studio BAMSphoto – Rodella di Montichiari: il risultato è uno scenario affascinante, costellato di centri abitati, di strade e corsi d’acqua, di castelli e insigni monumenti religiosi.

Lo sguardo aereo e i testi di Eleonora Barabaschi si muovono nel paesaggio alla ricerca delle emergenze architettoniche e urbanistiche maggiormente rilevanti, e degli elementi ambientali che più caratterizzano una terra che merita di essere compresa e valorizzata.

Tra gli intenti del progetto è centrale la volontà di contribuire alla conoscenza e alla documentazione del territorio piacentino con un’operazione che ne metta in evidenza i caratteri peculiari, in linea con i fini culturali che hanno fin dalle origini caratterizzato la casa editrice Tip.Le.co. che ha in programma anche la costituzione e la divulgazione, attraverso il sito www.tipleco.com, di un archivio con le immagini aeree pubblicate.

Il “volo” parte dalla pianura a sud del Po, dalle zone rivierasche, per poi spingersi verso sud, cogliendo la maestosità del corso del Grande Fiume, le ordinate distese di coltivi memori della centuriazione romana e l’orgoglio di una terra che l’uomo ha nei secoli “strappato” all’acqua con fatica.

Naturale prosecuzione del viaggio fotografico sono i territori attraversati dalla via Emilia, ovvia direttrice privilegiata di transito, ma anche rotta di fede; da qui lo sguardo spazia in direzione delle fortificazioni di pianura.

Val d'Arda dall'alto

Inizia poi un percorso che conduce verso la risalita delle colline, una spettacolare rassegna di castelli e borghi antichi, tra cui emergono maestosi i segni di remote ere geologiche, le stazioni di quel Piacenziano che ha in questo territorio molte delle sue testimonianze più tipiche e suggestive.

Infine, l’alta valle, che ha conosciuto in alcune fasi episodi di centrale importanza per la storia del territorio piacentino: lo sviluppo della città romana di Veleia e la fondazione del monastero del San Salvatore di Tolla; il volume si chiude con lo spettacolo naturale delle alte vette appenniniche, ai cui piedi l’Arda inizia a sgorgare.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.