PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Torna la scuola di dialetto con la Famiglia Piasinteina

La Famiglia Piasinteina organizza anche quest’anno la Scuola di dialetto, dedicata al compianto professor Luigi Paraboschi che per molti anni ne è stato docente.

Si tratta della ventitreesima edizione, con la finalità – spiegano gli organizzatori – “di parlare in piacentino, del piacentino e dei piacentini, cercando di ravvivare la voglia di riscoprire la nostra lingua, la storia, la cultura, la cucina, l’ambiente, la tradizione e tutte le cose che ci caratterizzano, nella nostra piacentinità”.

Il tutto incentrato sull’uso parlato e scritto della nostra lingua locale, con la sua grammatica, la fonetica, l’ortografia, le parole; il tutto anche mediante l’utilizzo della dispensa “Avviamento al Piacentino”, curata da Andrea Bergonzi.

Il corso si svolgerà in otto lezioni a partire dal 9 gennaio prossimo, tutti i mercoledì di gennaio e febbraio dalle 21 alle 22:15 nella sede della Famiglia Piasinteina in Via San Giovanni 7 (primo piano). In cattedra i docenti prof. Andrea Bergonzi e Cesare Ometti con la preziosa collaborazione della Fondazione di Piacenza, dell’Archivio di Stato di Piacenza, SlowFood e Legambiente.

Per coloro che volessero mettere in pratica le nozioni acquisite è anche previsto un saggio teatrale facoltativo al termine della scuola, organizzato da Cesare Ometti.

La scuola è gratuita e le iscrizioni sono già aperte; per farlo è possibile contattare la coordinatrice Paola Nicelli via mail info.linguapiacentina@gmail.com o al numero di telefono 388 896 1659 dalle 12:00 alle 19:00 dal lunedì al venerdì oppure ancora andando sul sito https://famigliapiasinteina.com/

Nella foto da sinistra: Paola nicelli, coordinatrice della scuola; Monica Fornasari, Slow Food Piacenza; Luisella Verderi; Slod Food Piacenza, Cesare Ometti, docente; Andrea Bergonzi, docente; Danilo Anelli, razdur della Famiglia Piasinteina; Laura Chiappa, Legambiente; Gian Paolo Bulla, direttore Archivio di Stato di Piacenza

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.