Un grande coro per ricordare Padre Gherardo in S. Maria di Campagna foto

Grande successo per la manifestazione “In coro per Padre Gherardo”, evento che si è svolto giovedì 13 dicembre per ricordare La Casa del Fanciullo, che quest’anno ha raggiunto il ragguardevole traguardo del settantesimo anniversario.

Nella splendida cornice della basilica di Santa Maria di Campagna che allora accolse il primo nucleo di giovani, il momento di massimo trasporto ed emozione è stato all’apertura, quando il Cineclub ha proiettato un breve video gentilmente messo a disposizione da Marilena Massarini, che ritrae Padre Gherardo sul palco della sua manifestazione “Piacenza nel Cuore” del 4 luglio 2000.

Concerto per 70esimo anniversario Casa del Fanciullo

Vincendo la sua abituale ritrosia, Padre Gherardo in poche parole pare lasciare il suo testamento spirituale, visto che di lì a pochi mesi verrà poi a mancare all’affetto dei piacentini. A questa toccante testimonianza ha poi fatto seguito l’“Ave Maria” di Padre Gherardo, da lui stesso musicata ed eseguita dalla soprano Marilena Massarini, accompagnata per l’occasione dal Maestro Mario Genesi.

Lo spartito manoscritto fu infatti donato alla soprano da Padre Gherardo stesso, che in precedenza aveva chiesto di eseguire la sua composizione soltanto al tenore Flaviano Labò ed al baritono Franco Piva.

La serata s’è poi sviluppata con un programma ricco e variegato, con i delle “Voci Bianche” e dei “Piccoli Cantori” della Casa del Fanciullo, che diretti dalla Maestra Giorgia Maggi hanno eseguito canti natalizi e della nostra tradizione; hanno accompagnando anche il cantautore fanese Luca Vagnini, consolidando la collaborazione con questi.

Altra voce impareggiabile che ha dato lustro alla manifestazione è stata quella del piacentino Marco Rancati, che accompagnato da Francesco Ardemagni, Massimo Lamberti e Bruno Orlandi ha impressionato tutti i participanti.

Concerto per 70esimo anniversario Casa del Fanciullo

Chicca della serata è stata l’esibizione de “I Rundàn ad Piaseisa”, composto dalle giovani Elena e Lucìa Carmagnola e Maristella Zarantonello, che hanno cantato brani della tradizione dialettale piacentina.

Da consumata padrona di casa, ha tessuto le fila della ricorrenza la bravissima Rita Nigrelli di Radio Sound, passando da un contributo all’altro con la consueta disinvoltura e dando poi appuntamento a tutti per l’anno prossimo, a conclusione di una serata che rimarrà impressa a lungo nella memoria di quanti hanno partecipato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.