Dipendenti comunali licenziati, respinti dal Tribunale altri due ricorsi

Si sono concluse nei giorni scorsi altre due cause di lavoro promosse da ex dipendenti comunali, licenziati nell’ottobre 2017 a seguito delle note vicende di assenteismo.

I ricorsi – fa sapere il Comune di Piacenza -, proposti da due ex dipendenti all’epoca in servizio presso l’Ufficio Manutenzione, sono stati entrambi respinti.

In un caso – viene spiegato -, il Tribunale di Piacenza ha accolto un’eccezione preliminare di decadenza dall’impugnazione e ha conseguentemente dichiarato l’inammissibilità del ricorso.

Nel secondo è stato ritenuto legittimo e proporzionato al comportamento il licenziamento, in considerazione della pluralità dei fatti accertati, della completa istruttoria svolta dall’Ufficio Procedimenti Disciplinari del Comune prima di procedere al licenziamento, nonché dell’elemento intenzionale e del danno (anche all’immagine) arrecato all’ente. Sono state accolte, pertanto, le tesi difensive presentate dall’Avvocatura Comunale.

Ad oggi – conclude la nota del Comune -, a seguito del licenziamento di dieci dipendenti, nove di loro hanno proposto ricorso chiedendo l’annullamento del licenziamento irrogato dal Comune di Piacenza e il reintegro in servizio.

Sette casi sono stati già definiti con sentenza di primo grado dal Giudice del Lavoro e tutti con la conferma del licenziamento, gli altri due ricorsi saranno discussi nei prossimi mesi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.