Donna, mamma e atleta: Claudia Salvarani si racconta agli ospiti del “Faro Rosso”

Nell’ambito del progetto “Un Caffè con…” il Centro Socio Riabilitativo Diurno “Faro Rosso” di Piacenza ha ospitato l’atleta piacentina Claudia Salvarani – mezzofondista e specializzata negli 800 metri piani, con il record personale di 2’01″23.

Claudia si è dimostrata molto disponibile a raccontarsi come donna e come atleta, rispondendo alle domande dell’intervista preparata accuratamente nelle settimane precedenti.

Ha iniziato la sua attività sportiva a 13 anni, quando ai “Giochi della Gioventù” vinse alcune gare e la sua insegnante di ginnastica le consigliò di praticare atletica.

Nel 1998 partecipò al concorso per entrare nella Polizia di Stato: una sua libera scelta, in parte influenzata dal fascino che le divise, e ciò che rappresentano, avevano sempre avuto sul padre. All’epoca era già un’atleta affermata con molti successi alle spalle: vinse il concorso con altre colleghe atlete e la Polizia creò quindi la prima squadra sportiva femminile.

Frequentò la Scuola di Polizia a Peschiera del Garda, poi fu la volta di Caserta prima del trasferimento a Modena, prestigioso centro italiano per l’atletica, con la possibilità di allenarsi insieme a Stefano Baldini e sotto la guida del Prof. Gigliotti. Nel corso degli anni Claudia si è allenata anche lontano dall’Italia, fino ad arrivare in Namibia, paese dell’Africa meridionale a duemila metri altitudine, per una migliore ossigenazione.

Per diversi anni si è concentrata sulle gare sportive e sul lavoro in Polizia, poi ha pensato a un progetto personale e a creare una famiglia: oggi ha tre figli che la impegnano molto, tanto – ha raccontanto – da non avere più tempo per altri hobby e passioni.

Lo sport ha influenzato il suo modo di approcciare la vita, aiutatandola ad avere un maggiore spirito di sacrificio nell’affrontare i problemi: “Ci si allena per ottenere il risultato nel tempo e ci si abitua a raggiungere gradualmente un obiettivo”.

Claudia ha anche partecipato nel 2010 alla Placentia Marathon for Unicef organizzata dalla Scuola Allievi della Polizia di Stato; una gara che per lei, velocista, ha rappresentato la prima ed ultima maratona. Nel suo palmarès ci sono sei titoli italiani, di cui uno indoor, e otto presenze in nazionale.

L’intervista si è conclusa con un aperitivo con gli ospiti del Centro Diurno e al momento del congedo, Claudia ha ringraziato tutti i presenti, dicendo che porterà quest’esperienza sempre con sé.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.