La lotta all’inquinamento inizia in classe: alla Vittorino i pannelli “mangiasmog” foto

La lotta allo smog inizia dalle aule di scuola e non solo con l’educazione ambientale, ma anche attraverso l’utilizzo della tecnologia “passiva” per assorbire le sostanze nocive nell’aria

E’ l’iniziativa avviata, dopo un percorso di sperimentazione, nella scuola primaria statale ‘Vittorino da Feltre‘ di Piacenza che ha installato in ognuna delle 24 aule un pannello realizzato con l’innovativa fibra “theBreath” in grado di purificare l’aria.

Una tecnologia in grado di produrre benefici immediati e di rendere gli stessi plessi scolastici più salubri in termini di qualità dell’aria respirata. Perché anche negli ambienti chiusi – compreso quelli che ci appaino più confortevoli – l’aria non è mai del tutto pura.

La presentazione del progetto si è tenuta all’interno della scuola alla presenza della dirigente scolastica Elisabetta Ghiretti, di Gianmarco Cammi, coinventore della tecnologia utilizzata, dell’assessore Paolo Mancioppi e del presidente del consiglio di circolo che ha autorizzato l’installazione dei pannelli, Marco Zavattarelli.

pannelli mangiasmog alla Vittorino da Feltre

Le cause delle impurità dell’aria negli ambienti di scuola possono essere varie: l’utilizzo di materiali edili insalubri, la presenza di mobilia o di apparecchiature (aspirapolvere, fax, fotocopiatrice…) che contengono sostanze nocive, l’impiego di detersivi e di altri prodotti disinfettanti, la scarsa ventilazione di una stanza. E altro ancora.

L’esempio di come sia possibile provare ad arginare il problema lo fornisce, dunque, la Scuola Primaria Statale ‘Vittorino da Feltre‘ di Piacenza

Il pannello realizzato con “theBreath”, un’innovativa fibra in grado di assorbire aria inquinata per poi rimetterla immediatamente in circolo pulita e purificata, viene prodotto da Anemotech, realtà italiana che progetta soluzioni finalizzate a migliorare la qualità dell’ambiente in cui viviamo, “theBreath” è un rivoluzionario tessuto multistrato che, utilizzabile sia outdoor sia indoor, contiene un’anima in fibra carbonica in grado di ‘catturare’ e disgregare le sostanze volatili nocive.

Personalizzati ad hoc e raffiguranti immagini scelte dagli insegnanti e dagli alunni (cartine geografiche, figure geometriche, quadri), i 24 pannelli appesi alle pareti hanno dimensioni e ingombri analoghi a quelli di qualsiasi altro materiale didattico comunemente adottato dalle scuole.

Con il vantaggio di contribuire in maniera fattiva al benessere degli alunni, degli insegnanti e di tutti coloro che ogni giorno frequentano e vivono questo istituto.

“Due le leve che ci hanno stimolato ad adottare questi straordinari pannelli anti-inquinamento. innanzitutto, il desiderio di offrire ai nostri studenti e ai nostri insegnanti la possibilità di vivere in un ambiente più sano.

E poi, ma non per forza in second’ordine, la consapevolezza di fornire ai più giovani un buon esempio di ecologia sociale. Un grazie davvero sentito va all’azienda C2Group di Cremona che con generosità ha supportato la nostra scuola consentendo l’acquisto di questi pannelli.”, sottolinea Elisabetta Ghiretti, dirigente scolastico della scuola Vittorino da Feltre.

pannelli mangiasmog alla Vittorino da Feltre

“Bello sapere che da oggi la nostra tecnologia contribuisce a rendere più sana la vita dei tanti bambini che frequentano questo istituto scolastico. È risaputo: viviamo in un mondo circondato dallo smog. Ciò che forse nel percepito collettivo non si è ancora colto a pieno è che anche l’aria che respiriamo negli spazi indoor è inquinata. Sconfiggere l’inquinamento è difficile, ma combatterlo è possibile.”, sottolinea Gianmarco Cammi, Direttore Operativo di Anemotech e co-inventore della tecnologia “theBreath”.

COME FUNZIONA – Intervista a Gianmarco Cammi

Anemotech srl è una realtà tutta italiana che studia, progetto e sviluppa tecnologie capaci di migliorare la qualità dell’ambiente che ci circonda.

La mission: aiutare le persone a vivere in un habitat più sono, sicuro e sostenibile. Nata a Milano nel 2014 e parte integrante del gruppo Ecoprogrom, Anemotech ha messo a punto theBreoth, un rivoluzionario materiale tessile, utilizzabile sio outdoor sia indoor, in grado di assorbire e disgregare le sostanze inquinanti dell’aria.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.