PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Piacenza Nord” o “Basso Lodigiano”? Il nome del casello diventa un caso politico

Diventa un caso politico il nome di un casello autostradale. Stiamo parlando di quello di Piacenza Nord lungo l’autostrada A1 in corrospondenza di Guardamiglio, in provincia di Lodi.

Che c’entra il nome “emiliano” in un territorio lombardo?

E così per iniziativa di alcuni sindaci dei centri lombardi limitrofi e all’appoggio del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, il deputato lodigiano della Lega Guido Guidesi, è stato richiesto il cambio di denominazione.

A meno di un mese dal cambio in “Basso Lodigiano” concesso dal comitato Toponomastico Autostradale, il deputato piacentino Tommaso Foti, insieme ad altri due colleghi di Fratelli d’Italia, ha presentato un’interrogazione parlamentare chiedendo al Ministro dei Trasporti Danilo Toninelli di fermare l’iter e mantenere la situazione attuale.

“L’eliminazione della denominazione ‘’Piacenza nord’’ della stazione autostradale non è mai stata oggetto di preventivo confronto con i rappresentanti delle istituzioni locali della provincia di Piacenza – spiega –, così come la decisione assunta non è stata ad oggi oggetto di comunicazione ufficiale”.

“Il cambio di nome per l’uscita principale e più veloce in autostrada – fa notare – per raggiungere la città di Piacenza può produrre, oltre al disorientamento, danni economici diretti e indiretti e una ricaduta di immagine non indifferente per la città, da sempre porta dell’Emilia sulla Lombardia”.

Un compromesso sarebbe quello di “salvare la dicitura “Piacenza Nord” e che si aggiunga “Basso Lodigiano”” propone Foti.

“Ho supportato la richiesta dei sindaci del territorio lodigiano e intendo continuare a farlo perchè legittima – dichiara Guidesi –, per non dire logica, in quanto il casello si trova in Lombardia.

Per la modifica del nome del “Piacenza Nord” in “Basso Lodigiano” è stato espresso un parere tecnico positivo da parte del comitato Toponomastico Autostradale.

Ribadisco che non si tratta di una questione campanilistica, ma di trovare una soluzione nel rispetto delle richieste legittime di un territorio che ha una storia, un’anima e un’identità molto forte e contraddistinta”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.