Tarasconi e Molinari in “tour” per parlare del nuovo piano faunistico

Agricoltura e caccia, sono in doppietta i temi del tour d’ascolto sul territorio piacentino, promosso dai consiglieri regionali Katia Tarasconi e Gian Luigi Molinari che danno appuntamento giovedì 17 gennaio.

Ospite dell’iniziativa che inaugura il 2019 sarà l’assessore regionale Simona Caselli nei distinti appuntamenti che la vedono interlocutrice con il mondo dell’agricoltura giovedì 17 gennaio, alle ore 16 alla Faggiola di Gariga di Podenzano, e poi, nello stesso giorno, alle 20.30 a Rivergaro all’Auditorium della casa del Popolo.

Nel primo incontro, alla Faggiola di Podenzano alle 16, sono chiamate a confronto tutte le associazioni di categoria, per fare il punto su quanto fatto, “ma non mancheranno testimonianze e confronto con i giovani agricoltori che si sono fatti valere per la loro capacità di iniziativa, entusiasmo e intraprendenza, dando all’agricoltura strumenti di espressione nuovi” – sottolineano Tarasconi e Molinari – “senza certamente dimenticare chi questo mestiere lo fa da una vita e che le eventuali osservazioni potranno essere utili per dare ulteriori direttive alla nostra attività in Assemblea legislativa”.

Stesso spirito, anche se su un fronte diverso come quello della caccia, il cui focus si svilupperà a Rivergaro alle ore 20.30 all’Auditorium della casa del popolo.

“Cercheremo di affrontare con l’assessore Caselli” – spiegano i consiglieri piacentini – “il tema urgente degli incidenti con gli animali selvatici, oltre che parlare, più ampiamente, del piano faunistico venatorio a cui comunque sono interessati anche gli agricoltori in tema di abbattimenti nel caso in cui subiscano danni alle loro colture”.

“Si tratta di un documento sostanzioso e complesso che si intende illustrare, anticipandone le novità, come per esempio, ridurre l’incidentalità stradale di cinghiali e caprioli, l’estensione della zona di cacciabilità e correlare però a questa anche tutte le regole che riguardano gli abbattimenti”.

“Come sempre” – concludono Tarasconi e Molinari – “l’obiettivo è mettersi nella condizione di ascoltare e confrontarsi per recepire, da chi si intende di agricoltura e caccia, il punto di vista ed eventuali osservazioni. L’ingresso è comunque aperto a tutti i cittadini che vogliano partecipare”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.