Quantcast

Il vento migliora l’aria di Piacenza, prorogata l’allerta freddo previsioni

Il vento migliora l’aria di Piacenza, ultimo giorno di divieti.

Oggi, giovedì 3 gennaio, sono ancora in vigore le misure “antismog“, ovvero lo stop alla circolazione anche per le auto diesel euro 4, divieto di uso di biomasse per il riscaldamento domestico con classe di prestazione emissiva inferiore a 4 stelle, abbassamento del riscaldamento fino ad un massimo di 19 gradi nelle abitazioni e 17 nei luoghi che ospitano attività produttive e artigianali, divieto di combustione all’aperto e divieto di sosta con motore acceso per tutti i veicoli.

Nel frattempo l’arrivo del vento sul nostro territorio ha reso più respirabile l’aria cittadina e martedì 2 gennaio la concentrazione di Pm10 sono scesi sotto la soglia di sforamento, registrando un valore di 40 µg/m3.

I DATI ARPAE

E’ stata anche prorogata l’allerta meteo per freddo intenso, scattata alle 12 di mercoledì 2 gennaio e valida fino alla mezzanotte del 5 gennaio, emanata dall’Agenzia regionale per la Sicurezza territoriale e la Protezione civile, sulla base dei dati previsionali del Centro funzionale Arpae E-R.

Secondo gli esperti del meteo, le temperature resteranno sottozero in orario notturno almeno fino alla giornata di sabato, quando si attesteranno nelle minime attorno allo zero. Tempo stabile e rischio nebbia fino a domenica, con massime in risalita fino a 11 gradi.

Tornano sotto il limite le Pm10, ripristinate da domani le normali limitazioni al traffico

A seguito del bollettino diffuso da Arpae, rientra l’allerta inquinamento legata al superamento dei valori limite di Pm 10 e vengono quindi sospese, a partire da venerdì 4 gennaio, le misure emergenziali in vigore in questi giorni, tra cui l’estensione del divieto di circolazione ai mezzi diesel Euro 4 e l’abbassamento delle temperature negli ambienti domestici, non oltre i 19° C.

Da venerdì, pertanto, si ripristinano le consuete restrizioni al traffico previste dal Piano regionale integrato per l’aria sino al 31 marzo: stop per i veicoli a benzina pre Euro ed Euro 1, nonché per i diesel sino alla categoria Euro 3 inclusa, per i ciclomotori e motocicli a due tempi pre Euro, dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 18.30.

E’ invece in calendario il 13 gennaio – anziché il 6, in concomitanza con la festività dell’Epifania – la prima domenica ecologica del mese, che verrà replicata il 27: in entrambe le giornate, saranno in vigore le medesime limitazioni al traffico previste dal lunedì al venerdì.

Sul sito www.comune.piacenza.it, con evidenza in home page, sono riportate tutte le informazioni utili a riguardo.

IN ARRIVO IL FREDDO INTENSO: UN INVITO A PROTEGGERE I CONTATORI DAL GELO – L’appello di Iren

Le previsioni meteo per i prossimi giorni annunciano l’arrivo di freddo molto intenso che irromperà in Emilia con temperature molto al di sotto dello zero. In queste condizioni il contatore dell’acqua può congelare e quindi scoppiare se non adeguatamente protetto.

Il repentino abbassamento delle temperature e le previsioni di un clima sempre più rigido rendono quindi necessari alcuni accorgimenti per garantirne il corretto funzionamento ed impedire spiacevoli rotture a causa del gelo con la conseguente interruzione dell’erogazione e successive possibili perdite e allagamenti.

Occorre dunque controllare l’ubicazione del proprio contatore e le sue protezioni contro le basse temperature, a maggior ragione anche nelle seconde case o nelle case vuote. Se il contatore risulta scoperto o in luoghi troppo esposti alle variazioni climatiche è assolutamente necessario provvedere alla sua coibentazione con materiali isolanti (polistirolo, poliuretano ecc.) facilmente reperibili presso il ferramenta. Se si è impossibilitati a fare altrimenti, è possibile proteggere il contatore con stracci e cartoni, anche se si tratta di un sistema meno efficace. Per i contatori posti in fabbricati disabitati si consiglia di chiudere il rubinetto generale e provvedere allo svuotamento delle tubature.

Nel caso il contatore sia congelato ma non ancora scoppiato, non tentare di sbloccarlo con l’utilizzo di fiamme o fonti intense di calore che potrebbero danneggiare irrimediabilmente l’apparecchiatura, ma utilizzare acqua tiepida sui raccordi metallici e successivamente limitarsi a coprirlo assieme ai tubi scoperti con un panno di lana assieme a più strati di materiale isolante in attesa che le valvole si scongelino.

Nel caso in cui il contatore sia scoppiato a causa del gelo, chiudere immediatamente le due valvole a monte e a valle del contatore e chiamare il Numero Verde per la segnalazione guasti 800 038 038 per la sostituzione dell’apparecchio: Iren ricorda tuttavia che la protezione del contatore è un onere dell’utente, che si deve accollare le spese di una eventuale sostituzione del contatore in caso di rottura. Meglio quindi provvedere per tempo a proteggerlo.

Un invito anche alle aziende: va controllata la tenuta degli impianti antincendio, in particolare degli idranti esterni più soggetti agli effetti del gel

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.