Quantcast

Appuntamento con l’arte e l’antiquariato da Iori: sabato 170 opere all’asta

Più informazioni su

Saranno circa 170 le opere d’arte antica e moderna provenienti da importanti lasciti ereditari, che sabato 2 Marzo alle ore 16 nella sede di Iori Casa D’Aste (via Pietro Cella, 9 – Piacenza) verranno presentate e battute all’asta a offerta libera.

Tra i lotti una raccolta di arredi d’antiquariato e una collezione di dipinti a olio di grandi artisti nazionali e piacentini come Giovanni Francesco Caroto, Gaspare Diziani, Stefano Bruzzi, Giovanni Boldini, Luciano Ricchetti, Bot, Cinello, Serge Bellonì, Giovanni Lomi, Renato Natali.

Da segnalare alcune opere del Maestro Stefano Bruzzi (Piacenza, 1835 – Piacenza, 1911) raffiguranti paesaggi e scene agresti provenienti dalla dimora- studio di Roncolo in Groppallo e una rarissima scultura in bronzo di Luciano Ricchetti (Piacenza, 1897 – Piacenza, 1977) rappresentante la Beata Vergine Maria che sovrasta la città di Piacenza e l’avvolge con la sua veste.

Quest’ultima scultura, scoperta da Stefano Iori in una collezione privata piacentina, risale all’inizio del 1954 come progetto al fine di realizzare successivamente, con alcune modifiche, una più grande scultura in bronzo alta 350 centimetri che nel mese di ottobre dello stesso anno venne poi collocata in Piazza Duomo a Piacenza in una delle nicchie alla base del monumento dell’Immacolata innalzato il secolo prima.

L’esposizione è aperta fino a venerdì 1 marzo dalle ore 10 alle ore 19. L’asta prenderà il via sabato 2 marzo alle ore 16.

Catalogo online: http://www.ioricasadaste.com/1/catalogo_asta_50_4510594.html

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.