Bariola replica al Pd “Non mi dimetto, aspetto esito Tar”

Gianluca Bariola, consigliere della lista Piacenza del futuro, risponde alla richiesta di dimissioni arrivata dai vertici del Pd di Piacenza. Sull’ingresso di Bariola in consiglio comunale è aperto un contenzioso legale: Samuele Raggi ha infatti contestato il riconteggio dei voti, e il perito nominato dal tribunale gli ha dato ragione.

Ecco la nota di Gianluca Bariola – In una fase delicatissima come l’attuale, incerta ed attraversata da profondissimi cambiamenti, in cui è chiaro ai più la distanza siderale tra i giovani e l’impegno politico (ed i partiti in particolare); in una fase congressuale in cui è in gioco il futuro stesso del nostro PD, in cui esponenti del partito Piacentino, che hanno ricoperto ruoli leader a livello territoriale e nazionale, dichiarano di guardare oltre il PD con spirito libero e nella quale esponenti regionali, tuonano con grida spagnolesche: dimettetevi tutti (in luogo del magari più consono: Dimettiamoci tutti), che l’avvicendamento di un consigliere comunale di minoranza di Piacenza diventi un tema degno di uno dei rarissimi interventi congiunti delle segreterie cittadine e provinciali, lascia attoniti e stupiti.

La vostra lettera, non condivisa nelle sedi opportune (in barba ai principi di lealtà e condivisione delle scelte, con cui motivate il vostro scritto), attraverso l’espediente di consigli genitoriali, arriva “affettuosamente” ad indicarmi, per “opportunità politica”, le dimissioni da consigliere comunale.

Verrebbe da chiedersi “opportunità politica di chi”, dal momento che non sono arrivato in consiglio nominato da voi, ma in quanto eletto in una lista civica di giovani; peraltro quella in cui era stato candidato Paolo Rizzi (così, se si fossero perse le elezioni, al candidato più votato dei giovani, chiunque esso fosse, sarebbe stato precluso l’ingresso in consiglio).

Non vivo come fatto personale la vostra lettera, come non ho vissuto personalmente il voto contrario del solo PD al mio ingresso in consiglio; forse ogni giovane che le circostanze e un pizzico di fortuna avessero condotto in consiglio comunale, avrebbe subito il medesimo trattamento.

Non ritenete che questa logica autoreferenziale, nella prassi conservatrice dell’esistente e quindi non preparata ad aprirsi a nuove persone e modalità di impegno politico, rappresenti una delle maggiori cause delle durissime sconfitte registrate anche nella nostra Piacenza?

Considererei che così proseguendo, con “candidi” e pubblici consigli, potreste arrivare ad amputare lo spirito di chiunque fosse desideroso di impegnarsi in politica. E per uno spirito amputato, non esistono protesi…

Meno male che ho fatto l’arbitro di calcio, una buona dose di insulti mi hanno rafforzato un po’… La vostra “fraterna accoglienza” non mi impedisce di voler bene al PD; unico strumento politico che ad oggi maggiormente rappresenta ciò che penso e spero di realizzare per la Comunità. Per questo continuerò a fare politica anche dopo il consiglio comunale.

Non volendo farvi oltremodo preoccupare di me con possibili nuovi consigli, mi dimetto, con efficacia immediata, da dirigente cittadino e provinciale del PD.

A presto,

Gianluca

Ps: Riguardo le “opportunità politiche”, di qualsiasi natura siano, attenderanno la sentenza del TAR.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.