Danno esistenziale per i treni da “incubo”, no della Cassazione a pendolare piacentino: stress non risarcibile

Più informazioni su

Sempre più amara la vita dei pendolari: svanisce la possibilità di avere un piccolo indennizzo per i disagi patiti.

La Cassazione ha infatti stabilito che per ottenere il risarcimento per lo stress dei viaggi da incubo non basta aver viaggiato in piedi su treni gelati d’inverno e torridi in estate in ritardo sette mesi su sette, con bagni sporchi e mai un posto a sedere libero, in palese violazione degli standard di «comfort del viaggio» siglati con le Regioni.

Per questo la Suprema Corte ha respinto la richiesta di risarcimento per danno esistenziale avanzata da un professionista che tutti i giorni viaggia da Piacenza a Milano in balia di «ritardi sistematici, sporcizia e affollamento» e che anno dopo anno aveva visto la qualità della sua vita «particolarmente peggiorata, per la significativa perdita di tempo, per la stanchezza cronica, ansia e stress, per il tempo sottratto alla famiglia e al riposo».

Tutto vero: ma bisogna provare l’effetto dei disservizi sul piano personale, tenendo presente che serve «un grado minimo di tolleranza».

In  primo grado il Giudice di pace di Piacenza nel 2008 aveva dato ragione al pendolare, condannando Trenitalia a risarcirlo con mille euro. Il giudice d’appello annullò il risarcimento e la Cassazione ribadisce ora che ha agito correttamente. (fonte Ansa)

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.