Danza, Giacomo Rovero è tra i “30 under 30” della rivista Forbes

L’ultima volta al Teatro Municipale fu nel 2011, quando Giacomo Rovero danzò nel Gala dell’Accademia Domenichino da Piacenza, pronto a “spiccare il volo” prima verso l’Hamburg Ballet e poi al Royal Ballet di Londra.

Rovero, 21 anni, nato a Piacenza dove ha iniziato lo studio della danza all’Accademia Domenichino diretta da Giuseppina Campolonghi, è uno dei talenti scelti da Forbes per la sua celebre e autorevole classifica annuale, sempre attesa con grande interesse a livello internazionale: è in particolare tra i prescelti della classifica “30 under 30”, dedicata ai giovani talenti, per la categoria “arte e cultura”.

Unico italiano ad essere entrato nel 2017 nel corpo di ballo del Royal Ballet di Londra, una delle compagnie più prestigiose al mondo, Giacomo Rovero si è aggiudicato nel 2011 a soli 13 anni la medaglia d’oro al Youth American Grand Prix di New York e si è esibito già più volte in importanti teatri internazionali.

Un testimonial di eccellenza per la nostra città, un giovane ma già grande artista cui l’assessore alla Cultura del Comune di Piacenza Jonathan Papamarenghi ha voluto rendere omaggio: “La passione che porta a percorrere strade impegnative, talvolta tortuose, unita ad abnegazione e sacrificio indispensabili per eccellere in certe discipline, quando unite e sensibilità e particolari doti artistiche, regala grandi artisti qual è Giacomo Rovero, orgoglio dell’intera Comunità piacentina, prima ancora che di quella italiana, ed esempio di impegno per i nostri giovani concittadini”.

“Complimenti a lui per una così significativa menzione che va di pari passo ai grandi risultati già raggiunti ed un grazie perché la capacità di regalare emozioni tramite l’impegno artistico è un dono per chiunque può beneficiarne”.

“La cosa che mi è sempre piaciuta della danza è la possibilità che ha il ballerino di trasmettere emozioni e di intrattenere questo scambio con il pubblico – ha dichiarato Giacomo Rovero a Forbes Italia – È questa ancora adesso la mia ispirazione, ciò che mi motiva e mi spinge a fare quello che faccio tutti i giorni”.

Con l’auspicio, anche da parte della Fondazione Teatri di Piacenza, di averlo presto ospite nella Stagione di Danza del Teatro Municipale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.