Infortunio Rdb Alseno, l’azienda contesta la ricostruzione del sindacato

Più informazioni su

Infortunio alla Rdb di Alseno, l’azienda con una nota stampa si oppone alla ricostruzione dei fatti del sindacato.

“Nel rigettare completamente la ricostruzione dei fatti così come riportati nella pubblicazione – precisa la nota diffusa da Rdb – l’infortunio occorso al proprio dipendente in data 21 febbraio 2019 non è avvenuto in circostanza di manutenzione di un carroponte, bensì in altra attività nella quale lo stesso lavoratore era solito impegnarsi quotidianamente”.

Secondo l’azienda, “l’operatore è stato informato, formato ed addestrato sui rischi e sui pericoli presenti, e al quale sono state fornite tutte le attrezzature idonee all’espletamento dell’attività lavorativa, in conformità alle normative vigenti”.

“Tuttavia la dinamica dell’incidente – continua la nota – è ancora in corso d’accertamento, e dalle prime informazioni acquisite non è coerente con quanto dichiarato dai sindacati, e ciò si dimostrerà nelle sedi opportune e davanti agli enti competenti.

Nel merito della richiesta di un tavolo nazionale si precisa che l’azienda non si è mai sottratta agli incontri, due negli ultimi due mesi, e ha dato pronto riscontro in conformità alla politica aziendale che si pone come obiettivo primario la sicurezza e la salute dei propri lavoratori, eliminando in breve tempo ogni singola situazione di pericolo in atto presso i propri ambienti di lavoro”.

Così precisa Andrea Valori, delegato aziendale alla sicurezza.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.