PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La galleria d’arte Volumnia protagonista su Living Corriere

La galleria d’arte Volumnia protagonista sull’ultima edizione di Living Corriere.

Il servizio dedicato alla galleria, che ha aperto pochi mesi fa nei suggestivi spazi dell’ex basilica di Sant’Agostino a Piacenza, è stato rilanciato anche sui profili social del magazine.

Ecco la presentazione pubblicata su Instagram

View this post on Instagram

A Piacenza il design entra in chiesa. La luce teatrale che illumina per episodi un’architettura maestosa. La metratura importante per una città così minuta. Ma soprattutto la sfida: restituire un’anima a un’ex chiesa dalla facciata neoclassica in pietra, costruita tra il 1570 e il 1586 da Bernardino Pannizzari detto il Caramosino, a cui si deve anche Palazzo Farnese. Il prologo? Chiesa (e convento) furono soppressi nel 1798. Gli arredi vennero venduti per pagare il riscatto imposto dall’occupazione militare francese. La chiesa, a nudo, divenne ospedale militare, il convento caserma. Una storia come tante, almeno fino allo scorso anno, quando il demanio mette in gara il bene e un’antiquaria piacentina, @galleriaenricademicheli, decide di partecipare al bando con un progetto aperto alla città ma non solo. Nasce così @Volumnia.space, nuova piattaforma global/local per l’arte e il design, un luogo in dialogo con i principali musei di #Piacenza che hanno partecipato con dei prestiti alla sua inaugurazione, una sede per mostre temporanee, domani (nel cortile esterno) anche un bistrot. La storia completa oggi su Living.corriere.it Foto @delfino_sl

A post shared by Living – Corriere della Sera (@livingcorriere) on

A Piacenza il design entra in chiesa. La luce teatrale che illumina per episodi un’architettura maestosa. La metratura importante per una città così minuta. Ma soprattutto la sfida: restituire un’anima a un’ex chiesa dalla facciata neoclassica in pietra, costruita tra il 1570 e il 1586 da Bernardino Pannizzari detto il Caramosino, a cui si deve anche Palazzo Farnese.

Il prologo? Chiesa (e convento) furono soppressi nel 1798. Gli arredi vennero venduti per pagare il riscatto imposto dall’occupazione militare francese. La chiesa, a nudo, divenne ospedale militare, il convento caserma.

Una storia come tante, almeno fino allo scorso anno, quando il demanio mette in gara il bene e un’antiquaria piacentina, @galleriaenricademicheli, decide di partecipare al bando con un progetto aperto alla città ma non solo. Nasce così @Volumnia.space, nuova piattaforma global/local per l’arte e il design, un luogo in dialogo con i principali musei di #Piacenza che hanno partecipato con dei prestiti alla sua inaugurazione, una sede per mostre temporanee, domani (nel cortile esterno) anche un bistrot.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.