Le scuole piacentine visitano il Nicolini con il “Progetto Annalisa” foto

Più informazioni su

È partito nei giorni scorsi al Conservatorio Nicolini il “Progetto Annalisa”, una serie di visite guidate per le scuole di ogni ordine e grado di Piacenza e provincia.

Il progetto è dedicato ad Annalisa Mannella, direttrice amministrativa del Nicolini recentemente e prematuramente scomparsa, la cui figlia Diana, di cinque anni, frequenta proprio una delle scuole che visiteranno il Nicolini all’interno della serie di incontri.

“Da qui è nata l’idea di dedicare alla collega queste iniziative – spiega Patrizia Bernelich, docente di pianoforte al Nicolini e responsabile del progetto . Da anni le scuole del comparto piacentino visitano il Conservatorio, durante l’anno scolastico, per far scoprire questo mondo ad alunni e studenti; gli incontri, organizzati su appuntamento con classi singole o gruppi di classi, si sono sempre svolti grazie alla collaborazione di insegnanti ed allievi di volta in volta disponibili a dare saggio dei rispettivi strumenti”.

“Un interesse sempre maggiore, tanto che da quest’anno si è deciso di dare ‘forma’ a questi incontri, ricomprendendoli in un programma strutturato: è così nato il ‘Progetto Annalisa’”.

Ciascuna attività è realizzata tenendo conto dell’età dei partecipanti, prevedendo momenti di ascolto, gioco, spiegazione e contatto diretto con gli strumenti musicali: pianoforte, arpa, violino, contrabbasso, e molti altri.

Dopo la prima visita da parte degli alunni di 5 anni della Scuola dell’Infanzia di Agazzano, si è svolto oggi il secondo appuntamento con i piccoli di 4 anni dello stesso Istituto; presenti la presidente del Conservatorio Paola Pedrazzini, il direttore Lorenzo Missaglia e il sindaco di Agazzano Mattia Cigalini, ex alunno ed ora insegnante di sassofono jazz al Nicolini; con lui, il vicesindaco di Agazzano Mario Braghieri.

Hanno collaborato all’incontro, accanto a Patrizia Bernelich, i docenti Guido Campana, Silvia Falavigna, Stefania Carrani e gli studenti Im Sun Tae, Kaho Miyamura, Eleonora Cotti, Andrea Prandi, Fabiola Ciccone, Luciano Grassini, Elisa Tait, Virginia Bernardoni, Federico Martinel, Clara Franguelli.

La presidente Pedrazzini ha sottolineato il valore dell’iniziativa notando come “gli istituti scolastici piacentini, per avvicinare bambini e ragazzi alla musica e magari allo studio di uno strumento, si rivolgono al Conservatorio Nicolini per il suo ruolo di massimo ente preposto alla formazione musicale; siamo felici di poter fornire un ulteriore servizio di orientamento attraverso questo tipo iniziativa scolastica”.

“Si tratta, per i più piccoli e per i ragazzi, di un momento di scoperta diretta e apertura verso nuove discipline, fondamentale per orientarsi e magari scegliere di intraprendere nuovi percorsi formativi”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.