“Questo non è amore”, in Piazza San Francesco contro la violenza sulle donne fotogallery

In occasione della festa di San Valentino, anche a Piacenza, come in molte altre piazze d’Italia, si torna a parlare di violenza sulle donne.

“Questo non è amore”, è l’iniziativa promossa dalla Polizia di Stato con l’obiettivo di superare gli stereotipi e i pregiudizi e per diffondere una nuova cultura di genere e aiutare le vittime di violenza a vincere la paura, rompendo la fitta rete di isolamento e vergogna.

A Piacenza per tutta la giornata in uno stand informativo allestito in piazza San Francesco, vicino a Piazza Cavalli, è stato possibile ottenere informazioni e sostenere colloqui privati con chi si occupa di questi casi.

Gli agenti di Polizia hanno inoltre mostrato le modalità con cui le vittime possono uscire dal tunnel della violenza, attraverso un percorso di sostegno e di aiuto rivolgendosi alle forze dell’ordine.

“Si tratta di una campagna informativa e di prevenzione che il Dipartimento della Pubblica Sicurezza ha intrapreso da tempo e che continueremo a fare – ha commentato il questore di Piacenza Pietro Ostuni -. “Si tratta della prima giornata, una seconda sarà l’8 marzo e poi ancora tante altre, perché la sensibilizzazione su queste tematiche non è mai abbastanza”.

“Si pensi che solo due giorni fa abbiamo notificato due divieti di avvicinamento – ha poi evidenziato -, tra l’altro nei confronti di professionisti in situazione di agio economico: questo preoccupa forse ancora di più. Dobbiamo stare vicino alle donne, siamo pronti ad ascoltarle in ogni momento: ringraziamo le associazioni che operano su questo tema sul territorio, con cui c’è una collaborazione eccellente”.

“Il rispetto per la donna, che in questa società ha una doppia funzione di lavoratrice e madre, deve essere la base di una società civile – ha aggiunto il Prefetto di Piacenza Maurizio Falco -. Promuoveremo queste iniziative non solo a Piacenza, ma anche nei comuni più piccoli dove certi messaggi vanno mandati in maniera pregnante per far capire che la violenza non ha mai giustificazione”.

Negli ultimi tempi sia istituzioni che forze dell’ordine stanno rilevando un aumento delle denunce di situazioni di violenza. “Questo – evidenzia il Sindaco Patrizia Barbieri –  ci fa capire come la cortina del silenzio e dell’omertà si stia fortunatamente squarciando; d’altro canto è importante insistere con iniziative come queste per far fronte non soltanto alla violenza fisica, ma anche a quella psicologica, forse più subdola ma in grado di distruggere le persone: spesso non solo le donne, ma anche i minori”.

“Con l’aumento delle denunce siamo messi in condizione, come Polizia Giudiziaria, di ottenere risultati e di garantire la sicurezza e la tutela delle persone vittima di violenza, al di là del genere – ha infine spiegato Serena Pieri, dirigente della Squadra Mobile di Piacenza -. E’ fondamentale sensibilizzare il più possibile, affinché ci si senta sempre più sicuri nel rivolgersi alle forze dell’ordine”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.