Pavidea si prende il derby: al Pala Magni Busa Foodlab sconfitto per 3-1

PAVIDEA ARDAVOLLEY FIORENZUOLA-BUSA FOODLAB GOSSOLENGO 3-1 (19-25; 25-16; 25-20; 25-23)

PAVIDEA ARDAVOLLEY FIORENZUOLA: Izzo 3, Tosi 14, Villa 8, Marini 9, Cattaneo 10, Reverberi 17, Coti Zelati (L). NE: Ravanetti, Dolera, Tonini, Ambrosini, Zeliani, Bratoni. All. Marini-Piccoli

BUSA FOODLAB GOSSOLENGO: Beltrando 2, Giorgi 2, Mascherini 6, Cobbah, Scarabelli 18, Gatti 4, Cornelli 8, Maini 7, Zambelli 14, Nedeljkovic 2, Poggi (L), Traversoni (L). NE: Antola. All. Cornalba-Anni

Il Busa Foodlab rientra a Gossolengo con le mani vuote dopo un derby che sorride alla Pavidea Fiorenzuola, una partita che lascia per la prima volta da inizio campionato a secco di punti le biancoverdi ancora in vetta ma con una sola lunghezza di vantaggio sulla Conad Alsenese.

Le padrone di casa hanno il merito di non scomporsi dopo il primo parziale favorevole alle biancoverdi giocando una partita di sostanza con un muro decisamente efficace (saranno ben 15 i muri punto a fine gara) ed una prova caratterizzata dalla grande carica agonistica a sopperire un incontro a tratti decisamente molto falloso.

Coach Cornalba manda in campo la diagonale con Beltrando e Mascherini, Scarabelli e Gatti di banda, Maini e Zambelli al centro con Poggi libero. Sull’altro fronte coach Marini recupera in extremis Villa dopo l’infortunio di sabato scorso patito sul campo della Serteco Volley School.

L’ace di Beltrando apre un primo set decisamente equilibrato con le squadre a lottare punto su punto. Il primo strappo dell’incontro è di marca biancoverde: coach Marini chiama timeout prima sul 9-12 e poi sul 10-15 senza però sortire gli effetti sperati. Maini allunga ancora il passo (11-18), due servizi vincenti di Izzo propiziano una rimonta (19-22) spezzata dal Busa Foodlab che conquista il parziale chiuso da Zambelli sul 19-25.

L’avvio di secondo set è di marca biancoverde (1-5), coach Marini interrompe il gioco e la Pavidea cambia pelle. Prima Cattaneo, poi Marini ed infine Tosi lasciano sul parquet del Pala Magni un break di 6-0 che regala un volto nuovo al parziale e, forse, all’intera partita. Zambelli spezza l’ottimo momento rossonero, coach Cornalba cambia diagonale inserendo Giorgi e Cobbah e giocandosi anche le carte Cornelli e Traversoni: l’effetto non è però quello sperato.

A poco servono i punti di Scarabelli e l’ace di Giorgi: Pavidea si porta a casa il parziale per 25-16.

Nel terzo set rientra in campo la diagonale titolare con Traversoni confermata in seconda linea. L’ace di Maini tiene in scia il Busa Foodlab poi è Reverberi a firmare il 7-3. Coach Cornalba ferma il gioco, un muro ed un ace di Zambelli valgono il meno uno (9-8) poi è Fiorenzuola ad allungare (12-8). Scarebelli e Cornelli – nel frattempo subentrata a Gatti – riportano in scia la formazione biancoverde (18-17). Un recupero che illude: Fiorenzuola allunga ancora (20-17) e chiude i conti alla prima palla set conquistata, per il 25-20 finale.

Il quarto parziale ripropone in campo Cornelli che prova a mettere in campo tutta la sua grinta. Scarabelli risponde al muro di Cattaneo in un primo frangente di set piuttosto equilibrato. Soltanto sul 18-17 le padrone di casa riescono a trovare un allungo che porta lo score sul 24-20. L’ottimo turno al servizio di Nedeljkovic annulla ben tre palle set a Pavidea (24-23) prima dell’errore che consegna la partita alle rossonere di coach Marini.

Prossimo appuntamento per il Busa Foodlab Gossolengo sabato 16 febbraio alle 18:00 per la sfida casalinga con Cartiera dell’Adda Mandello.

Nicolò Premoli

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.