Rallenta l’economia piacentina. Meno ordini e meno lavoro

Rallenta l’economia di Piacenza. Lo dicono i dati contenuti nell’ultimo numero della rivista “Piacenza Economia“, riferiti ai primi sei mesi del 2018 (vai al report integrale).

Piacenza Economia incontro

Le rilevazioni mettono in evidenza per il nostro sistema territoriale un quadro tendenziale nel complesso ancora positivo, caratterizzato da un “effetto di trascinamento” rispetto alla congiuntura sempre favorevole che la nostra provincia (e soprattutto il suo mercato del lavoro) aveva già sperimentato nel 2017.

Tuttavia iniziano ad intravvedersi alcuni segnali di rallentamento del ciclo economico che a livello generale si sono poi manifestati nei mesi successivi dell’anno.

Quali sono le principali tendenze dell’economia provinciale nel primo semestre del 2018?

quadro di sintesi Piacenza Economia 2018

La ricerca di “Piacenza Economia” indica quelle principali (sintetizzate nel grafico qui sopra).

Una dinamica ancora positiva caratterizza la produzione manifatturiera, ma anche i primi segnali di difficoltà per il futuro dell’attività delle imprese industriali, testimoniata dagli ordini in calo.

Continua la forte crescita delle esportazioni, che si è avuta però in assenza della spinta propulsiva che solitamente proviene dal settore meccanico, e che invece fa fatica a riprendersi sui mercati esteri. Si registra invece una contrazione dello stock di imprese, che prosegue sempre a livello generale, ma non per tutte le unità imprenditoriali.

Da segnalare il turismo in ripresa, dopo la fase più riflessiva che aveva caratterizzato il 2017. Infine, sul mercato del lavoro, il saldo assunzioni-cessazioni dei rapporti di lavoro ancora positivo, anche se in decelerazione, e la Cassa Integrazione in calo, con quella in deroga oramai azzerata.

Anche il numero 34 di Piacenz@, come i due precedenti, riporta nella sezione lavoro le elaborazioni fatte per il territorio provinciale dall’Agenzia regionale per il lavoro dell’Emilia-Romagna relativamente ad avviamenti e cessazioni, così come risulta dal report pubblicato nei mesi scorsi dall’Agenzia con i dati aggiornati al secondo trimestre 2018.

Si segnala al riguardo che tali dati, in virtù della nuova metodologia utilizzata, non sono più confrontabili con quelli già pubblicati da Piacenz@ prima del 2017.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.