PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Cambio della guardia a San Damiano. Il restauro dei velivoli storici attività prevalente fotogallery

Cambio della guardia al comando dell’aeroporto militare di San Damiano (Piacenza).

Nella mattinata del 6 febbraio la cerimonia ufficiale con la “staffetta” tra il Tenente Colonnello Giovanni Fuochi, Comandante uscente, ed il Tenente Colonnello Francesco Rossi, entrambe piacentini.

A presiedere il comandante il 6° Stormo di Ghedi dell’Aeronautica Militare, da cui dipende il distaccamento di San Damiano, Colonnelo Luca Manieri.

Nelle foto alcuni momenti del passaggio di consegne.

Il neocomandante Rossi si è detto emozionato del nuovo ruolo perchè si tratta di un ritorno a San Damiano: “Dopo essere stato qui come pilota poter ora comandare il distaccamento è gratificante ed emozionante. Come già accaduto negli ultimi due anni sono diminuite le risorse e il personale e per questo dovremo utilizzare più ingegno per massimizzare quello che abbiamo a disposizione.

Inizio questa esperienza – ha aggiunto Rossi – con l’obiettivo del mantenimento dell’operatività della base, pronta all’utilizzo qualora necessario, in più c’è il restauro di alcuni velivoli storici dell’aeronautica militare di cui ci inizieremo ad occupare”.

Il comandante Fuochi ha salutato ricordando i momenti significativi della sua permanenza a San Damiano: “Siamo sempre riusciti a dare piene operatività all’aeroporto in occasione di due eventi che lo hanno richiesto in questi anni. Oggi San Damiano vedrà un forte incremento dell’attività di restauro di velivoli storici, siamo in attesa che vengano perfezionati gli ultimi adempimenti burocratici con il Ministero dei Beni Culturali”.

Il colonnello Minieri, comandante del 6° Stormo di Ghedi ha ricordato che la missione del nuovo comandante sarà di mantenere la base “in grado di ricevere aerei ed elicotteri, per un eventuale rischieramento operativo”. “In più il futuro è la capacità di restaurare gli aerei storici perchè mantenere il patrimonio storico rientra nel conservare le nostre radici”.

Non ci sono in vista tagli di personale dell’aeroporto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.