Una storia millenaria, alla scoperta del castello di Rezzanello

Nuovo appuntamento con la rubrica di PiacenzaSera.it alla riscoperta dei Castelli della provincia di Piacenza. In ogni puntata vi daremo conto di una roccaforte o di un maniero, della sua storia e dell’atmosfera che si respira oggi nel vederlo.

IL CASTELLO DI REZZANELLO

Ad una ventina di minuti di strada in auto da Piacenza, poco oltre l’abitato di Gazzola, troviamo il castello di Rezzanello che sorge alle pendici del Monte Bissago, sulla destra del torrente Luretta, da quest’ultimo l’omonima vallata piacentina.

Una volta arrivati a Rezzanello il castello – un edificio a pianta trapezoidale e con quattro torri circolari – si mostra in tutta la sua imponente mole.

Il castello di Rezzanello

Una storia millenaria: il maniero, infatti, appare citato per la prima volta in una pergamena risalente all’anno 1001. In tale documento, l’allora vescovo conte di Piacenza, Sigifredo, dopo aver contribuito alla costruzione della chiesa piacentina di San Savino e dell’annesso monastero dei monaci benedettini, disponeva che al monastero stesso fossero destinati alcuni terreni, tra i quali «la corte chiamata Regiano con tutte le pertinenze e la metà del castello che è detto di Monte Bissago».

TEATRO DI SANGUINOSE BATTAGLIE – Nel 1212 i guelfi piacentini fuoriusciti dalla città, si rifugiarono nei loro castelli del contado per far fronte alla minaccia di invasione da parte delle truppe dei ghibellini viscontei.

Lo scontro ebbe luogo nell’estate del 1213, più precisamente il 9 agosto, alle porte di Piacenza, nei pressi dell’ospedale di Sant’Antonio. L’esito del conflitto fu la disfatta dei guelfi ai quali vennero a mancare i rinforzi da parte dei parmigiani.

Sebbene storicamente viene indicato come luogo della battaglia la periferia di Piacenza, altri sanguinosi combattimenti avvennero anche a Rezzanello, con la conseguente capitolazione del castello alle truppe milanesi.

Ad avvalorare la tesi che una cruenta battaglia sia avvenuta nella zona della fortezza di Rezzanello, i rinvenimenti del XIX secolo di numerosi resti umani mischiati ad ossa equine, pezzi di armatura e armi da taglio.

Il castello di Rezzanello

SIGNORI E CASTELLANI – Nel Trecento il castello fu abitato da Gabriello Boccapiccina, quindi passò alla famiglia Chiapponi. Nel Settecento subentrarono gli Scotti di San Giorgio, che riadattarono profondamente l’edificio trasformandolo in abitazione signorile. All’inizio del Novecento il castello appartenne per un breve periodo ai Lombardi di Genova.

Il maniero fu quindi venduto all’ing. Giuseppe Manfredi che lo fece restaurare dal prof. Camillo Guidotti (noto per aver realizzato il ripristino del Duomo di Piacenza). Dal 1930 al 1987 passò nelle mani delle Madri Orsoline di Piacenza che lo utilizzarono per villeggiatura estiva e per organizzare convegni religiosi.

IL CASTELLO OGGI – Nel 1987 Maddalena e Lorenzo Fiorani ne hanno acquistato la proprietà.  I coniugi Fiorani, attuali castellani, nel corso degli anni hanno provveduto a preservare il complesso, a restaurarne diverse parti murarie e, anche grazie alle numerose visite guidate ed agli eventi organizzati, a divulgarne la storia promuovendo miti e leggende che aleggiano sul maniero. Tutto ciò attorniati dai loro tanto amati gatti.

Il castello di Rezzanello

L’attuale proprietà offre oggi l’opportunità, nel profondo rispetto della tradizione storica e dell’essenza del maniero, di vivere un’esperienza indimenticabile a chiunque lo desideri: location perfetta per matrimoni, cerimonie, feste e meeting esclusivi.

Oltre 2mila i posti a sedere (460 coperti solo nella  suggestiva “Sala dei guelfi” completamente rivestita in pietra). Si pone in ottimo stato di conservazione l’antica chiesa consacrata, edificata nel 1600. Degne di nota anche le  camere nobiliari, con alcove e letti a baldacchino, così come gli antichi pavimenti in legno del piano nobile e l’antica ghiacciaia sotterranea.

Il castello di Rezzanello

Tanti anche i servizi accessori: una discoteca, un’ampia piscina scoperta, un centro benessere con sauna e palestra, un campo da calcetto, uno da tennis e persino una piazzola per l’atterraggio degli elicotteri e un’arena naturale adatta a concerti in grado di ospitare fino a 2500 persone; il tutto circondato da un grande parco.

Il castello di Rezzanello

(Fonte: “I Castelli del Piacentino”, di Serafino Maggi e Carmen Artocchini, pagg. 107 e succ., U.T.E.P. Unione Tipografica Editrice Piacentina 1967)

Info:
Rezzanello s.r.l.
Loc. Rezzanello, n°38 – 29010 Gazzola (Pc)
Tel.: +39.0523.970238
Email: info@castellodirezzanello.it
Indirizzo web:  www.castellodirezzanello.it

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.