La vicesindaco Baio contro Levoni (Liberali): “Rappresenta la vecchia politica”

La vicesindaco di Piacenza Elena Baio risponde al consigliere comunale dei Liberali Piacentini Antonio Levoni che in una recente intervista a “Libertà” aveva usato le seguenti parole “Il vicesindaco vorrei capire meglio cosa fa”.

L’intervista verteva su alcuni temi amministrativi – come la vendita delle azioni Iren – oggetto di frizioni tra i consiglieri liberali e la giunta di Patrizia Barbieri.

La Baio ha così diffuso una nota ufficiale nella quale replica a Levoni (i Liberali Piacentini hanno più volte manifestato un “sostegno critico” all’amministrazione di centrodestra), definendo “inutile e aggressivo l’attacco” a mezzo stampa.

Ecco il testo di Elena Baio

Avrei voluto parlare oggi in Consiglio comunale ma, per regolamento e per ordine del giorno già formato, non mi è consentito. Rispondo allora all’inutile e aggressivo attacco del liberale Levoni alla mia nomina di vicesindaco (intervista a “Libertà” del 2 marzo scorso), con questo comunicato stampa.

1. Che non rappresento in Giunta i Liberali non è una novità: sono stata nominata direttamente dal Sindaco e rappresento pertanto tutti i cittadini e tutti i consiglieri di maggioranza, compreso – purtroppo – anche il consigliere Levoni.

2. Levoni rappresenta la vecchia politica che va combattuta per il bene della città. Faccio due esempi: Levoni chiede spesso a noi di non parlare con “Libertà” (in quanto “giornale di sinistra”) ed è lui il primo che parla con la Giunta quasi esclusivamente attraverso “Libertà”, riferendo ai giornalisti – tra l’altro – cose non vere. Altro esempio: Levoni ci accusa di non essere di destra ed è lui, per primo, ad elogiare noti esponenti della sinistra.

3. Levoni è residente a Rapallo e forse per questo ignora quello che faccio: oltre a lavorare per le mie deleghe (Affari Generali e Legali; Riordino istituzionale; Trasparenza; Semplificazione; Formazione; Università e Ricerca; Tutela degli animali; Innovazione dei sistemi informativi e Sviluppo dei progetti Smart City), aiuto e sostituisco il Sindaco in varie occasioni, ricevo tutte le settimane persone che chiedono di dialogare con il Comune, sono nel Cda del Musp, del Leap, del Consorzio di Bonifica, seguo il nostro ente di formazione Tutor, la gestione del Carmine e altro ancora.

Se me lo avesse chiesto, glielo avrei spiegato direttamente. Invece ha preferito parlare ancora una volta a “Libertà” contestando il nostro operato (sull’attacco al bilancio risponderemo in Consiglio), facendo cosi – a mio parere – il male del centrodestra e, ancor prima, della città.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.