Matinées del Nicolini, decimo anno dei “concerti-scambio”

Presentata al Conservatorio di Piacenza la rassegna “Matinées del Nicolini”, concerti della domenica (con inizio alle ore 10.30) che in questo ciclo, al via il 17 marzo, vedrà protagonisti studenti di istituzioni AFAM (Alta Formazione Artistica Musicale e Coreutica) di Reggio Emilia, Modena, Parma, Padova, Vicenza, Potenza.

Si tratta di Istituti e Conservatori presso cui gli studenti del Nicolini si sono esibiti (o si esibiranno) nel corso di questo anno accademico, all’interno di un progetto di “concerti-scambio”, al decimo anno di realizzazione, di cui è ideatrice e curatrice Manuela Dalla Fontana, docente di pianoforte del Nicolini.

Tale progetto prevede la presenza di studenti del Conservatorio di Piacenza all’interno delle stagioni concertistiche di Istituzioni di altre città; allo stesso modo, il Nicolini ne ospita gli allievi all’interno delle proprie rassegne.

Nell’anno accademico 2018-2019 sono teatro di esibizioni per i ragazzi del Nicolini gli Istituti superiori di Studi Musicali “Achille Peri-Claudio Merulo” (Reggio Emilia-Castelnovo ne’Monti), “Orazio Vecchi-Antonio Tonelli” (Modena), il Conservatorio “Arrigo Boito” (Parma), il Conservatorio “Cesare Pollini” (Padova), il Conservatorio “Arrigo Pedrollo” (Vicenza), il Conservatorio “C. Gesulado da Venosa” (Potenza). Nelle prossime “Matinées”, quindi, sarà il Nicolini a ospitare musicisti ed ensemble dalle Istituzioni citate.

I concerti scambio con gli Istituti superiori di Studi Musicali di Reggio Emilia e di Modena e con il Conservatorio di Parma sono un ulteriore sviluppo della collaborazione sorta fra queste istituzioni e il Nicolini al fine di creare l’Orchestra Giovanile della Via Emilia (OGVE).

Il primo concerto, domenica 17 marzo alle ore 10.30, vedrà sul palco Martino Tubertini (fagotto) e Morgana Rudan (arpa) dell’Istituto Superiore di Studi Musicali “Achille Peri”-“Claudio Merulo” – Reggio Emilia e Castelnovo ne’ Monti.

In programma, “Romance op. 51” (trascrizione di Anna Loro e Giorgio Versilia) di Camille Saint-Saëns (1835-1921), “Introspection” di Howard Baer, “Impromptu – Caprice op. 9 per arpa sola” di Gabriel Pierné (1863-1937), Duo n. 1 di Théodore Labarre (1805-1870), “Partita per fagotto solo” di Gordon Jacob (1895-1984), “Chant d’Arrière-Saison” di Bernard Andrès (1941).

“Quella dei concerti-scambio è un’iniziativa che ha ricadute positive a più livelli – commenta la presidente del Nicolini Paola Pedrazzini –, l’aspetto formativo per il giovane musicista, che si “allena” a suonare di fronte a una platea diversa da quella usuale della propria città; la possibilità per il Nicolini di portare sui palchi di altre istituzioni le proprie eccellenze; proporre nuovi volti al pubblico piacentino, con esibizioni di giovani artisti provenienti da realtà simili a quella del Nicolini, ma giocoforza differenti”.

Lorenzo Missaglia, direttore del Nicolini, ha aggiunto: “E’ una tradizione che portiamo avanti con passione e convinzione. Quest’anno abbiamo addirittura sei appuntamenti: ciò vuol dire che i nostri colleghi delle altre istituzioni AFAM trovano positivo tale scambio, che è insieme culturale e formativo, offrendo di anno in anno sempre più proposte”.

Carlo Ponzini, presidente di Home Gallery, sponsor delle Matinées, ha ricordato come da anni sostenga questa rassegna del Conservatorio: “Home Gallery è nata, come associazione culturale, proprio in occasione della partecipazione alle Matinées del Nicolini. Quest’anno poi festeggiamo il centenario di Ponzini Arredamenti, azienda cui faccio capo; anche per questo il concerto del 7 aprile verrà dedicato a mio padre, scomparso nel 2015, che aveva fortemente creduto nel sostegno alle Matinées”.

Fin dal 2009-2010, il progetto dei concerti-scambio rappresenta un appuntamento fisso nel calendario della programmazione annuale, atteso e apprezzato dagli istituti coinvolti. “Il successo e le attestazioni di stima manifestati dai direttori e docenti dei diversi Conservatori, ai quali si indirizza il più sentito ringraziamento per l’adesione alla proposta, è tangibile testimonianza dell’alto livello artistico dei ragazzi selezionati per la partecipazione ai concerti”, afferma Manuela Dalla Fontana.

Nell’arco di dieci anni si sono svolti 57 concerti in diverse città (Brescia, Cremona, Genova, Novara, Parma, Vicenza e altre), con un totale di circa 350 studenti coinvolti, di cui circa 160 allievi frequentanti diverse classi strumentali del Nicolini. “Anche grazie agli insegnamenti e alla dedizione profusi da tutti i docenti – aggiunge la docente responsabile degli appuntamenti – gli studenti si sono esibiti sui palcoscenici interessati a rappresentare l’eccellenza del Conservatorio extra moenia, occasione ritenuta un momento di crescita personale e di acquisizione di grande responsabilità artistica”.

“La possibilità di misurarsi in contesti e ambienti diversi da quelli usuali e familiari non può che stimolare i giovani artisti al confronto e all’autocritica, contribuendo alla formazione complessiva del futuro musicista”.

Nel contempo, all’insegna di un’esperienza condivisa, il Conservatorio Nicolini ha ospitato nel corso di questi anni circa 190 allievi delle istituzioni collaboratrici, in 29 concerti che hanno trovato spazio nel cartellone delle rassegne (primaverile e autunnale) “Matinées del Nicolini”. Un ciclo di concerti prestigioso tanto da ricevere l’adesione di altri organismi cittadini, come l’associazione Home Gallery che anche in occasione delle prossime “Matinées” offrirà un rinfresco al termine di ciascun appuntamento.

“I concerti realizzati dagli studenti ospiti nel Conservatorio di Piacenza hanno fatto rilevare pari livello di preparazione, con vivo apprezzamento della direzione e del pubblico – aggiunge la prof.ssa Dalla Fontana – Tutte le manifestazioni sono inoltre registrate in collaborazione con il Dipartimento DAT, il cui responsabile è il prof. Marco Alpi, che si è avvalso del supporto di alcuni studenti, favorendo anche una positiva e differenziata ricaduta didattica”.

“I programmi proposti da tutti gli studenti sono stati scelti in stretto rapporto con i diversi responsabili artistici di tutte le istituzioni per concordare e armonizzare le date dei concerti sulla base delle diversi esigenze didattico-artistiche e logistiche delle istituzioni”.

Un bilancio dunque positivo che conferma il ruolo sempre più incisivo che il Conservatorio Nicolini va assumendo nel panorama delle istituzioni musicali italiane, premessa e auspicio per un adeguato ingresso dei suoi studenti nei circuiti esecutivi.

Gli studenti del Conservatorio Nicolini che nel corrente anno accademico hanno suonato all’interno dei concerti-scambio sono: Volha Karmyzava, pianoforte, Miljan Minic, clarinetto, Simone Ceppetelli, violoncello che si sono esibiti all’”Arrigo Boito” di Parma il 29 gennaio scorso; Eleonora Liuzzi, violino, Yanina Prakudovich, viola, Miljan Minic, clarinetto, Giorgio Strinati, corno, Andrea Giovannini, fagotto, Marco Decimo, violoncello, Dante Fabbri, contrabbasso hanno invece suonato il 17 febbraio 2018 all’”Achille Peri” di Reggio Emilia.

Il 2 marzo scorso al “C. Pollini” di Padova sono saliti sul palco Yevgeni Galanov, pianoforte, Slaviana Hunko, pianoforte, Paola Lo Curto, mezzosoprano, Federica Gennari, pianoforte, Yanina Prakudovich, viola. Il prossimo 7 maggio al “Vecchi- Tonelli” di Modena si esibiranno Simone Ceppetelli, violoncello, Eleonora Liuzzi, violino, Manfredi Lucy, violino, Yanina Prakudovich, viola, Emilia Mulas, clarinetto, Miljan Minic, clarinetto, Volha Karmyzava, pianoforte.

Il 3 dicembre è inoltre in calendario un concerto all’”Arrigo Pedrollo” di Vicenza, mentre la data al “C. Gesualdo da Venosa” di Potenza è ancora in via di definizione.

Il programma delle “Matinées”:

DOMENICA 17 marzo 2019, ore 10.30

Istituto Superiore di Studi Musicali “Achille Peri”-“Claudio Merulo” – Reggio Emilia e Castelnovo ne’ Monti

Musiche di Camille Saint-Saëns, Howard Baer, Gabriel Pierné, Théodore Labarre, Gordon Jacob, Bernard Andrès

 

DOMENICA 24 marzo 2019, ore 10.30

Istituto Superiore di Studi Musicali “Orazio Vecchi-Antonio Tonelli” – Modena

Musiche di Carl Maria von Weber, Robert Schumann, Felix B. Mendelssohn

 

DOMENICA 31 marzo 2019, ore 10.30

Conservatorio “Arrigo Boito” – Parma

Musiche di Arnold Schönberg – Carla Rebora – Marco Pedrazzi

 

DOMENICA 7 aprile 2019, ore 10.30

Conservatorio “Cesare Pollini” – Padova

Musiche di Alfred Schnittke, Sergej Rachmaninov

 

DOMENICA 14 aprile 2019, ore 10.30

Conservatorio “Arrigo Pedrollo” – Vicenza

Musiche di Georg Friedrich Händel, Franz Schubert, Robert Schumann, Jean Françaix

 

DOMENICA 5 maggio 2019, ore 10.30

Conservatorio “Carlo Gesualdo da Venosa” – Potenza

Musiche di Ludwig van Beethoven, César Franck

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.