Palazzo Mercanti cerca un capo di gabinetto per il sindaco Barbieri

Palazzo Mercanti cerca un capo di gabinetto per il sindaco Patrizia Barbieri.

Il provvedimento è stato approvato durante l’ultima riunione di Giunta: l’incaricato sarà scelto tramite selezione e successivo colloquio, l’incarico durerà fino al termine del mandato dell’attuale amministrazione di Piacenza.

Per consentire questa integrazione nell’organico dell’ente, è stata disposta una parziale modifica del regolamento di organizzazione del personale, consentendo anche a chi è assunto a tempo determinato di poter essere assegnato agli uffici posti alle dirette dipendenze del sindaco.

La selezione avverrà in seguito alla diffusione di un avviso, pubblicato sul sito del Comune di Piacenza. I candidati dovranno essere in possesso di una laurea in giurisprudenza, economia o scienze politiche. Il compenso sarà di 30mila euro all’anno lordi.

Si legge nella delibera: “In considerazione del carattere fiduciario delle funzioni da svolgere, l’individuazione avverrà “intuitu personae” (mediante comunicazione scritta resa dal Sindaco al Dirigente del Servizio Risorse Umane) previo avviso pubblico per la presentazione di candidature; alla valutazione dei curriculum provvederà direttamente il Sindaco, con riferimento allo spessore culturale e formativo e alle esperienze lavorative dei candidati, nonché alla fiduciarietà del rapporto da instaurare, previo eventuale colloquio, a discrezione del Sindaco, con tutti o alcuni dei candidati ammessi”.

“Al Capo di Gabinetto verrà corrisposto il trattamento economico fondamentale previsto dal vigente CCNL per l’Area dirigenziale del comparto Funzioni Locali”, “l’emolumento annuo omnicomprensivo per la posizione in oggetto è definito in € 30.000,00 annui lordi ed è parametrato alla media delle retribuzioni di posizione dirigenziali previste dal vigente sistema di pesatura dell’ente, in riferimento alla specificità, rilevanza, temporaneità e complessità delle funzioni assegnate, dell’estensione dell’ambito di intervento rispetto al complesso dei servizi comunali, della completa disponibilità da assicurare in relazione alle funzioni di supporto al Sindaco”.

“Il contratto di lavoro a tempo determinato fino alla scadenza del mandato del Sindaco, che verrà stipulato in seguito all’individuazione fiduciaria da parte del Sindaco stesso, comporterà l’eventuale collocamento in aspettativa nel caso il candidato prescelto sia dipendente dell’ente o di altra pubblica amministrazione”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.