Piacenza, vittoria pesante ad Arzachena, decide Ferrari su rigore (0-1) COMMENTO – VIDEO

Più informazioni su

Arzachena – Piacenza 0-1 (FINALE)
Ferrari al 73′ (r)

Piacenza, vittoria pesante ad Arzachena, decide Ferrari su rigore al 73′ dopo un match non facile.

Campo pesante e padroni di casa quanto mai determinati a bloccare le iniziative biancorosse. Ancora una volta a sbloccare un calcio piazzato, il rigore di Ferrari.

L’undici di Franzini si conferma una formazione cinica che crede alla serie B.

In serata l’Entella ha nettamente battuto l’Albissola per 4 a 0, quindi mantiene un vantaggio di 4 punti sul Piacenza (foto da Fb del Piacenza Calcio)

LA SINTESI VIDEO

IL COMMENTO di Luigi Carini

Piacenza cacciatore e preda nello stesso tempo. All’inseguimento della capolista Entella per conquistare il primo posto che significa promozione in serie B e difesa di quel secondo posto che ti permette di affrontare i play off con significativi vantaggi, considerato che le promosse dai play off saranno due anzicchè una come previsto.

Nel calcio la perfezione non esiste, ma esiste la tattica e le qualità agonistiche. Ed è con queste qualità che il Piacenza espugna il difficile campo dell’Arzachena dove, per il fondo sconnesso e per il vento costante, è problematico sviluppare trame di gioco a palla terra.

Il Piacenza si adatta al campo ed all’avversario. Franzini adotta il suo modulo preferito: il 3-5-2 con Silva al posto dell’infortunato Pergreffi e con Della Latta sulla linea dei difensori affidando a Barlocco il compito di aprire varchi e pericoli nella difesa avversaria.

Pur non giocando in modo spettacolare i biancorossi sono padroni del campo ma non forzano i ritmi e gli attacchi con la consapevolezza e la fiducia nell’episodio favorevole.

E questo arriva nel finale sotto forma di un sacrosanto calcio dei rigore conquistato da Barlocco dopo che questi aveva procurato seri problemi all’Arzachena, peraltro salvata dalla traversa di Corradi.

In definitiva una vittoria strameritata che conferma le attitudine della squadra di Franzini per le partite esterne che sa gestire con ammirevole capacità tattica e on la padronanza del gioco tipica delle squadre di rango.

Il Piacenza conferma, dunque, di attraversare un momento di grande condizione psicofisica e di arrivare alla partita decisiva con l’Entella nel miglior dei modi.

La squadra deve solo mantenere la grande concentrazione perché in ogni fase futura può essere il mattone di una grande conquista come lo scivolone che compromette un’intera stagione.

TABELLINO Arzachena – Piacenza 0-1 (0-0)

Arzachena: Pini, Pandolfi, Moi (64′ Danese), Baldan, Bonacquisti; Casini, Manca (74′ La Rosa), Nuvoli (78′ Taufer); Gatto (74′ Sanna);
Ruzzittu, Cecconi.
A disposizione: Ruzzittu, Carta, Casula, Onofri, Porcheddu, Lolli. All.: Giorico

Piacenza: Fumagalli, Bertoncini, Silva, Della Latta; Di Molfetta, Nicco (80′ Cauz), Porcari, Corradi, Barlocco; Terrani (66′ Perez), Ferrari (80′ Sestu).
A disposizione: Pop, Agostinone, Zogkos, Gerace, Gjura. All.: Colombo

Arbitro: Sig. Nicoletti di Catanzaro (assistenti Sigg. Massara di Reggio Calabria e Cantafio di Lamezia Terme)
Marcatori: 73′ rig. Ferrari
Ammoniti: Terrani, Ferrani, Bonacquisti

LA CRONACA

E’ finita ad Arzachena, vittoria pesante del Piacenza.

Minuti di recupero concessi: quattro.

Finale di match ad Arzachena, il Piace tiene la palla.

Due cambi in casa biancorossa all’80’: esce Nicco, entra al suo posto Cauz, entra Sestu per Ferrari zoppicante.

Al 78′ Perez spreca un’occasione incredibile, il centravanti ex Cosenza, a tu per tu con Pini, calcia addosso al portiere che evita il raddoppio del Piace.

Ferrari non sbaglia al 73′ dal dischetto, Piace avanti.

Calcio di rigore per il Piacenza.  Al 71′ lancio in profondità per Barlocco che viene steso da Danese.

Primo cambio biancorosso, al 66′ Franzini getta nella mischia Perez per Terrani.

Nella ripresa Piacenza più intraprendente, prova a scardinare la difesa sarda che per ora resiste bene agli assalti.

Al 53′ si fa vedere l’Arzachena in avanti: Ruzzittu serve Manca che mette in mezzo per Nuvoli, ma c’è un fallo in attacco dopo un contatto fisico con Bertoncini.

Al 51′ Di Molfetta che entra in area con una bella giocata, poi su una palla sporca ci prova Nicco, che però commette fallo.

Al 47′ clamorosa traversa di Corradi su punizione da 30 metri. Il calcio da fermo dopo l’atterramento di Terrani diretto verso la porta avversaria.

Iniziata la ripresa ad Arzachena.

Fine dei primi 45 minuti. Tantissima densità in mezzo al campo e molta difficoltà a creare geometrie su un terreno di gioco assolutamente non in perfette condizioni.

Al 45′ Ferrari per Barlocco che conclude con il mancino, Pini salva. Buona occasione per i biancorossi.

Arzachena ci prova al 37′ con Cecconi, tiro da fuori ma blocca Fumagalli.

Ancora Ferrari pericoloso al 35′ tiro in porta bloccato dal portiere sardo Pini.

Al 31′ cartellino giallo per Terrani a causa di un fallo in zona offensiva.

Spinge ancora il Piacenza al 28′: Ferrari lavora il pallone al limite dell’area di rigore allargando ottimamente per Barlocco, che mette al centro con il sinistro per Terrani che calcia direttamente fuori da pochi passi, ma era in fuorigioco.

Al 21′ occasione biancorossa, cross di Della Latta e girata al volo di Ferrari con il mancino, palla a lato di un soffio.

Ci prova qui Corradi dalla distanza al 15′  Tiro ribattuto dal proprio compagno di squadra Ferrari.

Preme il Piacenza in questo avvio del match, all’8′ Nicco serve Terrani che prova di prima intenzione a cercare in profondità Ferrari, ma la sfera termina al portiere.

Al 4′ occasione per il Piace: Corradi calcia ma il portiere sardo repinge, e sulla ribattuta poi nessuno riesce a ribadire a rete.

Fischio d’inizio, partiti ad Arzachena.

Franzini rivoluziona la squadra che viene schierata con il 3-5-2 con Sestu che si accomoda in panchina, poiché il binomio offensivo sarà formato da Terrani e Ferrari. A centrocampo, parecchia densità per gli emiliani, che schierano Porcari, Nicco e Della Latta.

Giorico, per i padroni di casa, conferma il 4-3-1-2 visto a Siena con Gatto dietro a Cecconi e Ruzzittu. Pandolfi prende il posto, sull’out basso di destra, di Arboleda, squalificato. Tra gli ospiti,

Le formazioni

Arzachena (4-3-1-2): Pini; Pandolfi, Moi, Baldan, Bonacquisti; Casini, Manca, Nuvoli; A. Gatto; Cecconi, Ruzzittu. A disp.: Carta, Ruzittu, Casula, Danese, Lolli, Onofri, La Rosa, Porcheddu, Taufer, Sanna. Allenatore: Mauro Giorico.

Piacenza (3-5-2): Fumagalli; Silva, Bertoncini, Barlocco; Corradi, Porcari, Nicco, Della Latta; Di Molfetta, Ferrari, Terrani. A disp.: Calore, Calzetta, Sylla, Cauz, Sestu, Corazza, Mulas, Bachini, Marotta, Corsinelli, Perez. Allenatore: Arnaldo Franzini.

Arbitro: Giovanni Nicoletti di Catanzaro; assistenti: Gaetano Massara di Reggio Calabria e Fernando Cantafio di Lamezia Terme.

Prosegue la caccia alla capolista Entella per il Piacenza, che vola in Sardegna per affrontare l’Arzachena (sabato, ore 16.30). I biancorossi sono reduci dal poker rifilato all’Alessandria, al quale hanno subito risposto i liguri nel posticipo espugnando in rimonta il campo di Novara e riportando a 4 le lunghezze di vantaggio sulla squadra di Franzini.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.