Le Rubriche di PiacenzaSera.it - Confapi Industria

Confapi Industria, focus sulla riforma della legge fallimentare

È in programma giovedì 11 aprile – alle ore 9 – nella Sala Convegni di Confapi Industria Piacenza in Via del Commercio, 65/a il seminario gratuito “Riforma della Legge fallimentare”.

La mattina partirà con l’intervento dell’avvocato Lia Zanetti, partner dello Studio legale tributario Gaffuri sulla nuova legge sulla crisi d’impresa, mentre a seguire Roberto Spaccini, partner di 4Planning, parlerà di “Strumenti e tecnologie al servizio della prevenzione del rischio: come la tecnologia può aiutare le aziende ad anticipare il rischio fallimentare”.

La conclusione sarà affidata a Fabrizio Fujani, Tun Rheinland Italia Business Stream Manager, che interverrà sul tema “La certificazione dei processi come modo per prevenire e mitigare i rischi di discontinuità operativa”.

“Il seminario nasce per fare chiarezza sulla riforma della legge fallimentare – spiega il vice direttore di Confapi Industria Piacenza Marika Lusardi (nella foto)– lo scorso 14 febbraio infatti è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il testo della riforma del fallimento, il nuovo codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza”.

“Tra le novità è ufficiale l’obbligo di modifica degli statuti o degli atti societari per molte SRL che entro il 2019 dovranno recepire il nuovo obbligo di nomina del sindaco, del collegio sindacale e del revisore secondo i nuovi limiti modificati con un intervento sulle soglie stabilite dall’articolo 2477 del Codice Civile e l’obbligo di dotarsi di procedure, strumenti e soluzioni per anticipare il rischio finanziario”.

“L’associazione intende quindi offrire agli imprenditori un’occasione per informarsi e fare chiarezza su una normativa che riguarda molte società a responsabilità limitata”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.