Quantcast

Dimore Festival, seconda edizione con Galimberti e Elio. All’ex Macello musica e eventi

Dopo il successo della prima edizione di Dimore Festival, torna l’iniziativa organizzata dall’Ordine degli Architetti PPC di Piacenza e provincia e realizzata da Propaganda 1984 – Associazione Culturale con il patrocinio di Consiglio Nazionale Architetti PPC, Camera di Commercio Piacenza, Comune di Piacenza, Provincia di Piacenza e Federazione Architetti Emilia-Romagna.

Dimore Festival, dal 17 al 19 maggio 2019, si attesta come la principale manifestazione piacentina dedicata all’architettura, e sarà ospitato dall’Ex-Macello di Piacenza, già sede del distaccamento locale del Politecnico di Milano e del Campus Arata.

Il tema di Dimore Festival 2019 è “Abitare la Città Digitale”: un tema quanto mai attuale, scelto per capire come sta cambiando il vivere urbano. Come si abita oggi una città? Per orientarci ricorriamo a Google Maps; per avere suggerimenti su dove mangiare consultiamo TripAdvisor; per cercare un posto dove dormire, AirBnb. Nel 2019 una moltitudine di tecnologie e applicazioni trasformeranno le città e le relazioni umane, impattando sulla vita dei cittadini, su tutti i servizi a loro dedicati e soprattutto sugli spazi che ogni giorno vengono vissuti dalla collettività.

Come cambia lo spazio sotto l’influenza delle nuove tecnologie e con il sorgere di nuovi stili di vita? In quali e quanti modi si abita, oggi, la città? E domani? Quale può essere il ruolo dell’architetto in tutto questo? Queste e altre tematiche verranno proposte, seguendo la formula molto apprezzata nella prima edizione: incontri, workshop e performance artistiche ideate e curate appositamente per la manifestazione.

L’EVENTO

La Sede di tutti gli eventi di Dimore Festival 2019 sarà l’Ex-Macello di Piacenza, situato sullo Stradone Farnese, già sede del distaccamento piacentino del Politecnico di Milano, del Campus Arata e dell’Ordine degli Architetti PPC di Piacenza. Il Festival può contare su un programma capace di dialogare con le province limitrofe, nell’ottica di creare un evento di grande spessore e rilevanza culturale per Piacenza. Dimore Festival 2019 vuole leggere le relazioni che la città può tessere tra architetti e collettività, tra vivere urbano e digitalizzazione, con ospiti di calibro nazionale e realtà importanti del mondo dell’architettura, del digitale e del design.

Spiccano, tra i tanti: Umberto Galimberti – Psicologo sociale e filosofo, Tommaso Pincio – scrittore, Massimo Mantellini – scrittore, Elio – Musicista del gruppo Elio e Le Storie Tese, Maurizio Melis – Speaker per Radio 24 e Divulgatore, Dario Zaninelli – Prorettore del Politecnico di Milano, Sede di Piacenza, Cristian Confalonieri – Fondatore di FuoriSalone.it.

Curata da Propaganda 1984 la programmazione musicale, che coinvolgerà Indianizer – band indiepop torinese, Le Cannibale – djset milanese e Santafabbrica – djset e allestimento artistico piacentino.

Particolare la proiezione di visual art curata dal collettivo locale Rorschach Visual Project, che accompagnerà tutte le esibizioni musicali.

Sarà invece curata da A/Mano Market l’area dedicata agli espositori: mercatino handmade di Piacenza, attivo dal 2011 con una selezione di artigiani provenienti da tutta l’Italia che presenteranno i loro progetti indipendenti di sartoria, design, accessori, illustrazione, complementi d’arredo e tanto altro.

Un evento di condivisione e scambio di idee ed esperienze tra giovani designers e tra artigiani e pubblico. Coinvolto anche l’Urban Hub di Piacenza, polo di innovazione e creatività che nasce con lo scopo di creare sul territorio un luogo fisico riconosciuto che sia punto di riferimento e di incontro per professionalità creative e mondo imprenditoriale. Innovazione e sviluppo saranno al centro di un workshop dedicato ai giovani designer del futuro.

Programma completo disponibile da lunedì 15 aprile sul sito www.dimorefestival.it e su tutti i canali social di Dimore Festival 2019.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.