Disposizioni anticipate di trattamento e fine vita, a Monticelli una serata di approfondimento

Si è svolta il 12 Aprile nella Biblioteca di Monticelli d’Ongina (Piacenza) una serata aperta al pubblico a tema DAT e legge N° 219 del 22 dicembre 2017 “Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento”.

Un’evento, su iniziativa della Casa residenza anziani CRA Monticelli d’Ongina gestita da Cooperativa Coopselios con il Patrocinio del Comune di Monticelli d’Ongina, al quale hanno preso parte anche il sindaco di Monticelli Gimmi Distante e la Direttrice d’Area cooperativa Coopselios Danila Bocelli.

La moderatrice Maria Grazia Bensi, Dottore Magistrale in scienze infermieristiche, ha illustrato al folto pubblico la serata e ha poi lasciato la parola agli esperti. L’Avvocato Romina Vecchia ha sviscerato le modalità con le quali, con l’entrata in vigore della legge, sarà possibile esprimere le proprie volontà sul fine vita. Attraverso le DAT, le disposizioni anticipate di trattamento, il cittadino potrà infatti decidere a quali scelte terapeutiche dare o meno il consenso.

Il medico Mario Riccio, specialista in anestesia e rianimazione, ha poi illustrato i cambiamenti in Italia a seguito dell’approvazione della legge sul fine vita, entrando nel merito delle Disposizioni Anticipate di Trattamento (DAT) e di quali trattamenti medici riguardano.

Ampio spazio è stato dato alle domande del pubblico.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.