“Politiche agricole, presto un tavolo per il pomodoro”

Mezzo miliardo di euro per la tutela del Made in Italy, impegno per l’acqua, attenzione alla montagna con finanziamenti – “chi fa agricoltura in montagna è eroico” – e poi un tavolo del pomodoro, sul modello di quello per il latte, da convocare subito dopo la madre di tutte battaglie che è l’etichettatura dei prodotti, la loro riconoscibilità e la loro difesa nel mondo.

Dei principali temi del settore ha parlato il senatore della Lega Gianpaolo Vallardi (presidente della commissione Agricoltura del Senato) che ha incontrato il mondo agricolo piacentino, invitato dal senatore Pietro Pisani, alla presenza anche dei colleghi Tony Iwobi e Cesare Pianasso.

E Pisani ha annunciato che presto “il senatore ligure Francesco Bruzzone verrà in Valtrebbia per rendersi conto della situazione e trovare una soluzione sul rilascio dell’acqua dalla diga del Brugneto. Auspico un accordo con la Regione Liguria, un’intesa che vada oltre le crisi periodiche. E sulla traversa di Sant’Agata ci batteremo per far sì che gli agricoltori abbiano più acqua a disposizione”.

All’incontro, erano presenti i tre presidenti provinciali delle organizzazioni sindacali degli agricoltori: Marco Crotti (Coldiretti), Filippo Gasparini (Confagricoltura) e Franco Boeri (Cia-agricoltori italiani).

Vallardi ha sottolineato l’importanza di un tavolo sul pomodoro al ministero delle Politiche agricole, sollecitato dagli agricoltori che hanno ricordato la difficoltà di arrivare a un prezzo, con l’industria, per la prossima campagna.

Sul tema cruciale dell’acqua, il presidente della commissione, ha detto di “conoscere bene il problema” e di essere al lavoro “per cercare una soluzione conveniente per tutti”. Ma Vallardi ha anche parlato dei 600 milioni per l’agricoltura di montagna, stimolato da alcuni agricoltori piacentini che hanno chiesto più semplificazione, meno frammentazione delle proprietà e hanno sottolineato come loro abbiano cura del territorio e cerchino di contrastare lo spopolamento.

“Dopo le alluvioni in Veneto siamo convinti – ha affermato Vallardi – che sia meglio aiutare la montagna piuttosto che intervenire per ripianare i disastri”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.