PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Primavera ad arte, a Pasqua visite e laboratori tra arte e fede

Primavera ad arte, la rassegna culturale organizza  una serie di iniziative a Piacenza in occasione delle celebrazioni pasquali.

Due visite guidate, a distanza di un giorno, sveleranno gli aspetti legati alla passione, morte e resurrezione di Gesù nel centro storico di Piacenza: sabato 20 aprile 2019 “Crocifissioni e sepolcri“, mentre domenica 21 aprile 2019 “Pasqua in arte“.

Gli itinerari, organizzati da Cooltour s.c. in collaborazione con il Museo Kronos, si propongono come un percorso e racconto, tra arte e fede, per immagini e sculture su morte e resurrezione di Cristo.

Dalla Cattedrale, con le sue preziose testimonianze ad affresco e scultoree, si visiteranno alcune delle chiese più significative del centro storico: San Francesco, gioiello nel cuore della città, che ospita un compianto sul Cristo morto opera dello scultore Luca Reti, Sant’Antonino e la pregevole Crocifissione in terracotta policroma, San Savino col suo Cristo crocifisso ma trionfante sulla morte e Sant’Anna con le sue numerose testimonianze legate al sacrificio di Gesù: dalle moderne vetrate della ditta Peresson su disegno dell’artista Trento Longaretti di Bergamo della zona absidale, alla statua del cristo Morto attribuita a J.H.Geernaert del 1700, fino agli affreschi col risorto di ignoto autore quattrocentesco e di Bernardino Gatti da Cremona.

I percorsi toccheranno anche le poco note Santa Brigida, con la sua interessante cappella del Crocifisso, ricca di capolavori lignei e ad affresco e l’esterno della piccola chiesa romanica di Sant’Ilario (ora auditorium) che conserva, nel suo architrave in arenaria scolpita, l’incredulità di San Tommaso, col risorto al centro, un esempio di grande interesse per la scultura romanica padana e piacentina in particolare, fiorita attorno al cantiere del Duomo.

“Crocifissione e sepolcri” partirà sabato 20 aprile 2019 alle ore 16 mentre “Pasqua in arte” domenica 21 aprile 2018 alle ore 15. Il ritrovo per entrambe le visite è presso Museo Kronos, via Prevostura 7. La quota di partecipazione per ogni singola visita è di 6 € intero; 4 € ridotto con biglietto Museo Kronos o Collezione Mazzolini di Bobbio.

L’IN-CANTO DELLA CATTEDRALE – Presso la cupola della Cattedrale di Piacenza invece, domenica 21 aprile, alle ore 16, “L’in-Canto della cattedrale” un concerto itinerante di Anna Chiara Farneti, che racconterà spazi e opere attraverso le emozioni e i canti che questi detteranno al suo cuore. Il giro, della durata di 50 minuti, prevede l’esecuzione di 4 brani. Al termine del percorso, alle ore 17, il concerto si sposterà in cripta e sarà aperto a tutto il pubblico gratuitamente. L’evento, a numero chiuso, è a pagamento (15 € intero; 13 € ridotto).

PASQUETTA – Anche per Pasquetta l’offerta culturale è ricca. Si inizia al mattino, alle ore 10.30 con lo speciale su Santa Maria in Cortina: “Santa Maria in Cortina e le piazze più antiche della città di Piacenza” dove, partendo da uno dei complessi più antichi della città, si analizzeranno anche Piazza Sant’Antonino e Piazza Duomo, cercando di metterne in luce le vestigia più antiche. La quota di partecipazione è di 6 € intero (compresa la discesa al pozzo) e il ritrovo è presso la chiesa di Santa Maria in Cortina (Via Verdi, di fronte al Teatro Municipale).

Alle ore 16, gli eventi, per grandi e piccini, si concentreranno invece presso il Museo Kronos. Nel laboratorio “Angeli”, dopo aver preso spunto dagli angeli nel percorso del Museo Kronos, verrà  costruita, a seconda della propria fantasia, ai bambini dai 6 anni in su, una figura angelica, completa di ali. La quota di partecipazione per il laboratorio è di 7 €.

Sempre alle ore 16 partirà anche la visita guidata “I fasti della Cattedrale”, che metterà in luce i preziosi tesori artistici del duomo. Ne verrà indagata la storia non solo con le testimonianze artistiche ma anche attraverso i documenti dell’archivio, per ricostruirne l’aspetto prima dei restauri scalabriniani, quando preziose pitture e ricchi altari ne rivestivano gli interni. Tassello dopo tassello, verranno ricreati i fasti della cattedrale, ammirandone da vicino i tesori.

La quota di partecipazione per la visita è di 6 € intero; 4 € ridotto con biglietto Museo Kronos o Collezione Mazzolini di Bobbio e il ritrovo è presso la biglietteria del Museo Kronos (via Prevostura, 7).

Per partecipare a tutti questi eventi è obbligatorio prenotare scrivendo a cattedralepiacenza@gmail.com o contattando il numero 331/4606435.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.