Primo maggio all’insegna dell’Europa, domani sindacati in piazza

Più informazioni su

Primo maggio incentrato sull’Europa, quello che i sindacati confederali di Piacenza, Cgil, Cisl e Uil si apprestano a festeggiare con il corteo della mattina, a cui seguiranno gli interventi di vari esponenti del mondo del lavoro in piazza Cavalli.

Dopo il corteo delle 9 e 30, che prende le mosse da Barriera Genova, alle ore 10 e 30, in piazza Cavalli, al posto dei comizi è in programma un confronto tra i sindacati confederali e Marco Cilento, vicesegretario del Ces, il sindacato unitario europeo dei lavoratori.

Lavoro, diritti, stato sociale: la nostra Europa. E’ questo lo slogan prescelto dai sindacati a indicare le basi su cui rilanciare l’unione politica a livello continentale. Non mancano anche i riferimenti a Piacenza e allo stato dell’economia locale.

Lo scenario a breve termine Regione Emilia Romagna – è stato ricordato in sede di presentazione del Primo maggio – offre un dato non confortante a livello occupazionale: nel 2019 solo +0,2% ma per fine anno si assesterà con una stagnazione. Invece nel 2018 il dato era ancora in crescita con un +0,8%. Scende anche la qualità del lavoro, per ogni contratto a tempo indeterminato ce ne sono sette a tempo determinato.

La preoccupazione delle organizzazioni sindacali è poi rivolta al tema degli infortuni sul lavoro: 5201 denunce nel 2018 e 9 decessi in Piacenza e provincia, numeri al di sopra della media regionale, è stato evidenziato.

La nota stampa – Se in questo Primo Maggio 2019 sarà l’Emilia-Romagna la “capitale” del lavoro italiano, con Maurizio Landini (Cgil), Anna Maria Furlan (Cisl) e Carmelo Barbagallo (Uil) che parleranno a Bologna; Piacenza manterrà saldamente il “presidio territoriale” della Festa del Lavoro con manifestazioni in città (corteo da via Genova e dibattito in piazza Cavalli) e Monticelli d’Ongina (previsto l’intervento di Gianluca Zilocchi a nome dei sindacati confederali).

Il contesto della Festa del lavoro 2019 guarda all’Europa. Ma sono tanti i “nodi territoriali” sollevati da Gianluca Zilocchi, Marina Molinari e Francesco Bighi, segretari confederali di Cgil, Cisl e Uil di Piacenza, nel corso della presentazione delle iniziative per il Primo Maggio in città e provincia.

“Insieme a Confindustria abbiamo firmato un appello congiunto in vista delle prossime elezioni Europee – hanno premesso in conferenza stampa i segretari confederali – per una Comunità Europea che sia sempre più di indirizzo politico e meno comunità finanziaria ed economica. Alcune normative europee appena licenziate, per esempio quella sui congedi parentali, sulla conciliazione dei tempi di vita e di lavoro sono da recepire e rafforzare: vanno nella direzione auspicata dai lavoratori.

Una Europa più politica, che affronti squilibri fiscali e sociali è fondamentale per la tenuta del tessuto sociale di un continente che vede ancora oggi 110 milioni di poveri e 30 milioni di disoccupati”. Venendo ai temi più locali, i confederali hanno parlato di un quadro in grigio-scuro sul piano del lavoro e degli infortuni a Piacenza.

“Se in Emilia-Romagna, grazie anche al Patto per il Lavoro, abbiamo sempre avuto performance sopra la media nazionale, gli ultimi dati di Unioncamere descrivono previsioni di crescita sconfortanti. Sul piano dell’occupazione, nel 2019 si prevede un timido +0,2% tendente all’azzeramento verso fine anno”.

Assolutamente non superato il tema del Primo Maggio dell’anno passato: la sicurezza sul lavoro. “Nel 2018 si sono registrati oltre 5mila e 200 denunce di infortuni sul lavoro: è un dato aberrante. Il tema è ancora attuale perché i primi dati del 2019 non sembrano aver invertito la rotta. Sul piano invece dell’equità salariale e della qualità del lavoro, Piacenza non mostra dati positivi. Negli ultimi anni, i salari dei dirigenti sono saliti del 5% mentre quelli di operai e impiegati meno dell’1%.

E’ evidente che dobbiamo parlare di equità retributiva – hanno detto i confederali -. Siamo di fronte a dinamiche che rischiano di diventare croniche: a dircelo sono i dati sui piacentini inattivi tra i 25 e i 44 anni. La lettura dei dati complessivi sull’occupazione non ci fanno ben sperare se il territorio non cambia marcia”.

E ancora i temi della delocalizzazione, degli appalti, dell’ambiente e della parità di genere rientreranno nella Festa del Lavoro di Piacenza che vedrà, dalle ore 10:30, in piazza Cavalli, un confronto tra i sindacati confederali e Marco Cilento, vicesegretario del Ces, il sindacato unitario europeo dei lavoratori. Le celebrazioni della Festa del Lavoro a Piacenza verranno aperte, come di consueto, con un omaggio al cippo dedicato ai caduti sul lavoro nell’omonima via cittadina.

Rifondazione Comunista in piazza per il Primo Maggio – Anche il Partito della Rifondazione Comunista sarà in piazza” per celebrare la Festa dei Lavoratori e per ribadire ancora una volta la necessità di politiche a tutela sia del lavoro, sia della classe lavoratrice”.

“Con oltre 157000 infortuni sul lavoro (aumento del 1,9% sull’anno precedente), – affermano – il 2019 sta drammaticamente dimostrando quanto la strada per il rispetto dei diritti dei lavoratori sia ancora lunga. In un Paese dove gli infortuni, spesso pure mortali, sono drasticamente in aumento anno dopo anno e in cui il potere d’acquisto degli stipendi è in perenne diminuzione, la necessità di forze politiche a difesa della classe operaia è sempre più forte”.

“Rifondazione Comunista è da sempre dalla parte degli sfruttati e dei lavoratori che mandano avanti il nostro Paese rischiando spesso la vita. Il Primo Maggio sarà dunque un giorno di festa, ma anche un giorno di lotta per chiedere a gran voce il rispetto dei diritti che sembrano ormai dimenticati”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.