Provincia, ok al consuntivo 2018. “Avanzo” da 13 milioni di euro

I conti della Provincia di Piacenza godono di ottima salute. Non è questa una novità per gli amministratori e chi segue le vicende di palazzo Garibaldi, ma in occasione della presentazione del consuntivo 2018 si è voluto fare il punto, rispetto al conto economico dell’ente, rispetto a 10 anni fa, nell’era pre crisi e pre riforma Delrio.

Nonostante una continua contrazione sia di entrate tributarie che di trasferimenti statali (nel 2010 i primi erano di 27 milioni di euro, i secondi di 16 milioni e 500 mila), il 2018 si chiude con 9 milioni di opere realizzate (5 milioni e 600 mila viabilità, 3 milioni edilizia scolastica), altri cantieri avviati per 22 milioni e 13 milioni di euro di avanzo, di cui circa 7 sono svincolati.

Sono questi alcuni dei numeri presentati in consiglio dal presidente della Provincia Patrizia Barbieri e dal dirigente Vittorio Silva, i quali hanno sottolineato la capacità di investimento dell’ente, superiore a quella di altre realtà della Regione.

Frutto questo di una gestione oculata che ha sempre caratterizzato l’ente di corso Garibaldi, e che dovrebbe essere utilizzata, ha proposto la consigliera di maggioranza Paola Galvani, per realizzare un’opera simbolo dell’amministrazione Barbieri. “Bisognerebbe poter utilizzare l’avanzo disponibile per dare un segnale – ha detto – e progettare un’opera simbolo, come ha fatto il presidente Rolleri con le palestre nell’ex laboratorio Pontieri, investendo 4 milioni di euro. Credo che questa sia una soluzione migliore, rispetto all’utilizzare le risorse disponibili in tanti piccoli interventi che andrebbero a gravare sulla macchina dell’ente, tra progettazione e bandi diversi”.

Patrizia Calza, ora consigliera di opposizione, ricorda come la priorità scelta, nel programmare gli interventi, fosse il dare risposta al bisogno di sicurezza dei cittadini. “Questi dati dimostrano – continua – come sia stato importante il ruolo svolto dalla Provincia negli anni passati, frutto di una buona amministrazione”. Il bilancio consuntivo è stato approvato all’unanimità.

I DATI – Nel 2018 la Provincia ha effettuato investimenti per quasi 9 milioni di € (in crescita di 600.00 € rispetto al 2017), dei quali 5,6 milioni destinati alla viabilità ed oltre 3 all’edilizia scolastica.

Un dato ancora leggermente inferiore a quello dei primi anni del decennio, quando con le manovre del governo Monti prima e poi con la riforma Delrio furono drasticamente tagliate le risorse provinciali, ma di assoluto rilievo in confronto alla realtà delle altre province: fatti 100 gli investimenti del 2010, quelli di Piacenza sono oggi pari a 80; l’analogo indicatore è pari a 30 sia per le province emiliane che per quelle italiane.

La buona capacità di investimento dell’Ente emerge anche dal rapporto tra spese per investimento e spese correnti: a Piacenza la spesa per investimenti è pari al 70% di quella corrente, contro un valore del 37% in Regione e del 25% in Italia. Da sottolineare che rispetto a questo indicatore la situazione è nettamente migliorata rispetto al passato: nel 2010 la spesa per investimenti era pari al 43% di quella corrente.

Di seguito gli altri dati salienti del conto consuntivo

Le entrate si sono incrementate in misura apprezzabile rispetto all’anno precedente, sia per quanto riguarda quelle correnti, passate da € 25,7 milioni ad € 27,4 milioni, sia e soprattutto per quelle in conto capitale passate da € 6.877.000 ad € 11.854.000.

In particolare, grazie ai minori prelievi di risorse effettuate dallo Stato, aumenta la quota di risorse che rimangono nelle disponibilità dell’Ente, anche se è ancora certamente troppo alto il prelievo effettuato dallo stato: su un totale di 24,5 milioni di entrate tributarie, ne vengono versati allo stato 11 milioni.

Ne restano quindi al nostro Ente 13, 4 milioni, circa 2 in più dello scorso anno. Quindi ancora oltre il 40% di quello che l’Ente incassa dai tributi di propria competenza viene trasferito alla Stato. Si tratta di risorse che invece potrebbero di dare risposte alle esigenze del territorio.

Per quanto riguarda le spese correnti, si riduce ulteriormente la spesa di personale, anche se la ripresa delle assunzioni rallenta il ritmo del decremento rispetto agli anni precedenti. Il miglioramento della situazione finanziaria ha consentito l’incremento delle spese di manutenzione.

I dati relativi all’avanzo di amministrazione evidenziano che l’Ente, grazie allo sblocco del suo utilizzo consentito dall’ultima legge di bilancio, potrà disporre di risorse importanti per incrementare il proprio piano degli investimenti. L’avanzo di amministrazione non vincolato e quello destinato ad investimenti sono infatti pari complessivamente a 7 milioni di €. Considerando anche le quote vincolate e quelle accantonate, quindi non immediatamente utilizzabili, l’avanzo complessivo è pari ad oltre 13 milioni.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.