Le Rubriche di PiacenzaSera.it - Cooperazione

Abbattere il digital divide tra docenti e studenti, ecco il progetto di ConfCoop e Bicocca

Primo incontro lunedì prossimo 13 maggio a Piacenza per attivare i corsi di “Digital augmented education” nei Licei “Colombini” e “Gioia” nell’ambito del progetto Giovani Connessi, selezionato da “Con i Bambini” nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile.

Il progetto si articola in diverse attività il cui filo rosso è il “digital device di minori, famiglie e comunità educante”: un’incapacità che allontana dai diritti e dalle opportunità di crescita. Le macro attività affiancheranno azioni già programmate nelle scuole a supporto della dispersione e abbandono scolastico cercando di rafforzare la presenza dei più fragili.

L’incontro di lunedì è in programma alle 9 al Liceo Gioia. Saranno presenti i Dirigenti scolastici Maria Luisa Giaccone e Mario Magnelli, i docenti referenti Vitanza, Scorletti, Pezza e il team universitario del Ferri, Direttore e Coordinatore del Polo Digitale del Dipartimento di Scienze Umane per la Formazione dell’Università Bicocca.

“I corsi di “Digital augmented education” – spiegano i promotori – saranno destinati ai docenti delle due scuole, e si articoleranno in appuntamenti laboratoriali dedicati alla transizione al digitale della scuola, con particolare riferimento alla definizione di nuovi setting didattici che permettano di gettare un ponte tra gli inediti stili di apprendimento dei nativi digitali e le pratiche didattiche dei loro docenti”.

“L’accoglienza di questo progetto nei due licei piacentini evidenzia come, dal punto di vista delle realtà scolastiche locali, sia presente la consapevolezza e la lucidità dell’impatto delle nuove tecnologie per le nuove generazioni e quanto questi strumenti possano essere contemporaneamente opportunità e trappole”.

“Le scuole Gioia e Colombini confermano di mantenere una chiara visione focalizzata verso l’orizzonte del benessere e della sicurezza degli studenti che le compongono. In questo scenario si inserisce la scelta di offrire anche al corpo docente maggiori strumenti per incontrare i linguaggi e gli stimoli in cui sono immersi i ragazzi di questo presente”.

L’attuazione e l’efficacia del progetto sul territorio di Piacenza sarà facilitata dal partner “Consorzio Sol.Co. Piacenza” (www.solcopiacenza.it) tramite il supporto del “Gruppo Cooperativo CGM” (www.cgm.coop), soggetto responsabile del progetto.

Il progetto Giovani Connessi è stato selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertàeducativa minorile. Il Fondo nasce da un’intesa tra le Fondazioni di origine bancaria rappresentate da Acri, il ForumNazionale del Terzo Settore e il Governo. Sostiene interventi finalizzati a rimuovere gli ostacoli di natura economica, sociale e culturale che impediscono la piena fruizione dei processi educativi da parte dei minori. Per attuare iprogrammi del Fondo, a giugno 2016 è nata l’impresa sociale Con i Bambini, organizzazione senza scopo di lucrointeramente partecipata dalla Fondazione CON IL SUD. www.conibambini.org.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.