Arriva in anticipo la 22esima Sei Giorni delle Rose foto

Spettacolo, agonismo e divertimento sono le parole chiave della 6 Giorni delle Rose, manifestazione di ciclismo agonistico giunta quest’anno alla sua 22esima edizione che si terrà dal 6 all’11 giugno.

Anche per l’edizione 2019 si alterneranno nel Velodromo Attilio Pavesi di Fiorenzuola (Piacenza) momenti di sport agonistico a momenti di grande spettacolo.

L’organizzazione dell’evento ha un’anima e una voce: Claudio Santi, che ogni anno segue con passione l’organizzazione della 6 giorni e Stefano Bertolotti, speaker ufficiale della 6 Giorni delle Rose, nonché voce ufficiale del Giro d’Italia.

“La 6 Giorni delle Rose nel corso degli anni è diventata sempre più importante – sottolinea l’organizzatore Claudio Santi – l’evento sportivo è diventato un appuntamento imperdibile per i pistard che provengono da tutto il mondo; le gare di classe 1 U.C.I. che si svolgono alla 6 Giorni, infatti, consentono agli atleti di ottenere punteggi importanti per le partecipazioni olimpiche”.

In occasione della presentazione ufficiale della manifestazione sportiva che si è tenuta il giorno 2 maggio, nella prestigiosa cornice del teatro Verdi di Fiorenzuola d’Arda, sono state presentate le novità per l’edizione di quest’anno.

In occasione dell’anniversario dei cent’anni dalla morte di Luigi Illica, la 6 Giorni delle Rose si impegna nella commemorazione del celebre librettista e commediografo, originario di Castell’Arquato.

Inoltre, durante la presentazione della 6 Giorni, è stata annunciata l’ospite d’onore, Paola Sanguinetti, soprano di lirica italiana che durante la sua carriera ha duettato con Andrea Bocelli.

Sul palco del teatro Verdi durante la presentazione di sono alternati diversi ospiti, che hanno ricordato aneddoti sull’evento e sul ciclismo e anche qualche informazione storica interessante sulla storia delle gare di ciclismo su pista.

L’organizzatore Claudio Santi ha ricordato l’origine della specialità su pista nata nel 1899 al Madison Square Garden di New York, luogo che ha dato il nome ad una specialità delle gare su pista, la “madison” appunto, detta anche “Americana”.

Il primo cittadino di Fiorenzuola Romeo Gandolfi, ricorda l’inaugurazione del velodromo di Fiorenzuola, che si è tenuta 1929 e che “la 6 Giorni delle Rose consente di celebrare il 90esimo anniversario del velodromo. Sottolinea inoltre come Fiorenzuola porti bene, i campioni che sono passati a Fiorenzuola infatti, hanno vinto anche in altre competizioni importanti”.

Claudio Santi chiude la serata ringraziando Stefano Bertolotti, tutto lo staff organizzativo, gli sponsor e gli atleti, aggiunge che “è sempre un’emozione organizzare la 6 Giorni, nonostante siano passati 21 anni non mi sono ancora abituato”.

IL COMUNICATO 

È stata presentata nella cornice del Teatro Giuseppe Verdi di Fiorenzuola d’Arda, la 22^ edizione della 6 Giorni delle Rose Internazionale, manifestazione di ciclismo su pista che si terrà dal 6 all’11 giugno al Velodromo “Attilio Pavesi” di Fiorenzuola, impianto che quest’anno compie 90 anni (fu inaugurato nel 1929).

Un evento (ad ingresso completamente gratuito) che, come avviene dal 2013, abbina le gare di classe 1 Uci (con punti validi per la qualificazione a Mondali e Olimpiadi) alle prove della tradizionale sei giorni a coppie, nel contesto di sei serate che prevedono anche vari momenti di spettacolo e intrattenimento, facendo della 6 Giorni delle Rose un evento dedicato non solo agli appassionati di ciclismo.

Le gare di Classe 1 Uci (il livello più alto) inserite nel programma della manifestazione sono: Madison, Corsa a Punti, Scratch e Omnium per uomini e donne, Inseguimento Individuale per Under 23 (anche in questo caso maschile e femminile). In ogni serata invece, per la classifica della 6 Giorni a coppie si disputeranno Giro Lanciato e Madison. Prove che, come sempre, richiameranno a Fiorenzuola molti dei più forti pistard del panorama mondiale.

Il programma inizierà ogni sera alle 20, ad eccezione della giornata di domenica 9 giugno, quando si correrà al pomeriggio (dalle 16) perché in serata, nella vicina Castell’Arquato, è in programma un evento dedicato a Luigi Illica (grande commediografo e librettista), alla quale parteciperà anche una folta delegazione della 6 Giorni. Proprio le note di “Aurora”, inno alla bandiera argentina di Luigi Illica, apriranno la manifestazione il 6 giugno.

A suonarla sarà il Sexteto Milonguero, orchestra di tango argentino che sarà fra i protagonisti della prima serata. L’ultima invece vedrà ospite d’eccezione il soprano Paola Sanguinetti, per concludersi poi con uno spettacolo di fuochi d’artificio.

Presentazione Sei Giorni delle Rose

Nel corso della presentazione, condotta da Stefano Bertolotti, Claudio Santi ha percorso passato, presente e anche futuro della manifestazione attraverso alcuni video realizzati dall’Associazione Culturale Terre Piacentine. Hanno partecipato, fra gli altri, il sindaco di Fiorenzuola Romeo Gandolfi, il sindaco di Castell’Arquato Ivano Rocchetta, il vicepresidente della Federciclismo Daniela Isetti, il presidente del Velodromo di Fiorenzuola Gaetano Rizzuto, il vicepresidente del Comitato Regionale Fci Alessandro Ferraresi, il presidente provinciale del Comitato di Piacenza Gianni Cerioni e Graziano Tonelli, organizzatore della serata “Evening for Luigi Illica”.

“La 6 Giorni delle Rose porta da più di vent’anni il nome di Fiorenzuola in tutto il mondo – ha detto il sindaco Romeo Gandolfi -, richiamando ogni anno campioni e pubblico da ogni parte. Come sempre accade, troveranno grande ospitalità e passione da parte degli organizzatori e di tutta la nostra città. Saranno sei giornate all’insegna dei migliori valori che lo sport sa trasmettere”.

“Anche quest’anno, con la novità della data anticipata rispetto alle ultime edizione e il compleanno molto speciale del Velodromo, il nostro gruppo organizzatore sta lavorando per proporre una 6 Giorni delle Rose che mantenga le sue caratteristiche vincenti – ha spiegato Gaetano Rizzuto -, apprezzate da atleti e appassionati di tutto il mondo. Attorno a questa manifestazione si coagulano la passione e l’operosità di volontari, sponsor, sindaci del territorio, imprenditori illuminati e associazioni che danno il loro contributo affinché ogni edizione sia da ricordare. Ci avvicineremo all’evento con i quattro “giovedì del Portichetto”, incontri di approfondimento su vari temi legati a sport, salute, cultura e società”.

“La 6 Giorni delle Rose è una di quelle manifestazioni attraverso le quali il nostro movimento è cresciuto in questi anni – le parole di Daniela Isetti -, perché a Fiorenzuola i talenti di casa nostra hanno potuto misurarsi con molti dei migliori al mondo di questa disciplina. Anche stavolta, per le nostre Nazionali, la 6 Giorni delle Rose rappresenta una appuntamento da onorare al massimo e nel quale cercare di lasciare il segno”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.