“Basta all’Ue della moneta e non della politica. Vogliamo gli Stati Uniti d’Europa”

“Basta all’Europa della moneta e non della politica. La nostra visione è quella di creare gli Stati Uniti d’Europa”.

Lo affermano i due canditati alle elezioni europee per +Europa, Francesco Rolleri, sindaco uscente di Vigolzone e ex presidente della Provincia di Piacenza, insieme a Rita Cinti Luciani, ex sindaco di Codigoro e assessore della Provincia di Ferrara.

Il nuovo progetto di Emma Bonino rappresenta una novità, dice Cinti Luciani, in “un panorama politico un po’ statico. Il centro sinistra ha bisogno di un’altra gamba” in Italia come in Europa. “Il dibattito sta prendendo una piega sbagliata. Non si tratta di ridurre tutto a Salvini sì, Salvini no. Noi crediamo all’unità dell’Europa ma al tempo stesso vanno cambiate le cose che non vanno. In questi anni è stata fatta un’Ue della moneta ma non della politica”.

Lo si è visto ad esempio con l’allargamento dell’Ue a Paesi dell’Est, creando una vera e propria “concorrenza interna” di tante imprese che hanno preferito delocalizzare le proprie attività, lasciando l’Italia.

L’Europa invece ha bisogno, soprattutto dal punto di vista dell’economia e del lavoro, di politiche condivise in grado di fronteggiare i veri competitor, commercialmente aggressivi, come ad esempio la Cina.

“Dobbiamo dire la nostra – continua Cinti Luciani -, contrastando le visioni nazionalistiche perché indietro non si torna. La colpa non è della globalizzazione, ma della politica che ha delegato il proprio compito alle multinazionali, invece di governare i processi economici”.

+Europa invece si candida invece proprio a questo, aggiunge Rolleri, ad essere una forza politica responsabile “che ha una visione, muove le coscienze, lavora per un obiettivo comune. Noi adesso siamo davanti a un bivio importante: rafforzare i singoli stati membri o promuovere una Ue che rappresenti gli Stati Uniti d’Europa. Noi sosteniamo questo progetto. Vogliamo una Europa che sia autenticamente federale, anche dal punto di vista economico. Stiamo assistendo adesso alle ripercussioni che la Brexit potrebbe avere. Per noi perdere il mercato inglese avrebbe le stesse ripercussioni della perdita di una quota di mercato locale”.

Alla conferenza stampa erano presenti anche due amministratori del territorio, Sergio Copelli (Pontedellolio) e Claudio Ghittoni (Gropparello).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.